Apre la Chianineria: così la Trattoria dall’Oste “raddoppia” l’offerta

trattoria dall'oste firenze bistecca chianina fiorentina

Lo avevamo lasciato in via Alamanni con la “Trattoria dall’Oste” a fotografare le code dei turisti che ogni sera si mettono in paziente attesa per assaggiare la sua bistecca di chianina. Ritroviamo il ristoratore Antonio Belperio in via de’ Cerchi con la Chianineria, il secondo locale vocato alla bistecca alla fiorentina

chianineria firenze

Di sicuro Antonio Belperio non è una di quelle persone che ama stare con le mani in mano. Da qualche tempo con la Trattoria dall’Oste si è imposto come uno dei ristoranti di bistecca alla fiorentina più amati dai turisti internazionali, che anzi ogni sera formano delle lunghe code davanti all’ingresso del locale in via Alamanni. Da qualche settimana, invece, ha raddoppiato l’offerta puntando sulla Chianineria in via de’ Cerchi, un ristorante vocato – così come il primo – alla carne Tuscan style, dalla bistecca alla fiorentina agli altri tagli pregiati.

trattoria dall'oste firenze bistecca chianina fiorentina chianineria

In effetti si può parlare di una vera e propria dependance, di un rapporto sinergico tra la trattoria in zona Stazione SMN e quella tra Orsanmichele e la casa di Dante Alighieri. Il tutto legato da un filo conduttore: la bistecca di chianina certificata, un fattore su cui Antonio Belperio punta moltissimo. “La qualità delle carni per noi è fondamentale – spiega – perché in città esistono tantissimi ristoranti di carne, soprattutto per venire incontro alle richieste dei turisti, ma sono pochi quelli che possono contare su una certificazione che garantisce qualità e provenienza della materia prima”.

trattoria dall'oste firenze bistecca chianina fiorentina chianineria

Un tema, quello della certificazione, che abbiamo affrontato qui. Il principio ispiratore della Chianineria è di presentare un’offerta che può sembrare monotematica – come suggerisce il nome – ma che in realtà affianca al “cavallo di battaglia” della Chianina anche una serie di piatti (antipasti, primi, secondi) che completano il menù. “La nostra carta si ispira a quella della Trattoria dall’Oste – conferma Antonio Belperio – che a sua volta è pensata per venire incontro a chi cerca sia la bistecca alla fiorentina sia i grandi classici della cucina italiana e toscana”.

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

1 Comment

Leave a Reply

Rispondi