In occasione del lancio del libro per i primi 30 anni di A Tavola sulla spiaggia, il creatore del formato gastro-mondano sulle sabbie nobili della Versilia lancia le novità 2022: il piatto Forte sarà presente sul bancone della gastronomia Peck

Nemmeno dopo trent’anni di successi, una testa del calibro di Gianni Mercatali riesce a far impolverare una manifestazione come A Tavola sulla spiaggia. E proprio nell’anno che celebra le prime 30 edizioni del format gastro-mondano in scena dal 1993 sulle sabbie nobili del Forte dei Marmi, il re delle pr lancia due novità che riguardano la prossima edizione e quella ancora ventura.

Partiamo con ordine: quest’anno la competizione – che andrà in scena il 4 agosto al bagno Roma di Levante di Forte dei Marmi – assegnerà come sempre con lo Scolapasta d’oro il titolo di “piatto Forte” (la maiuscola non è affatto casuale). Ma quello stesso piatto pensato per essere la trasposizione “da spiaggia” dello street food, da quest’anno non sarà solo appannaggio dei giurati chiamati a esprimersi durante la competizione. Sarà invece disponibile per almeno una settimana all’interno delle vetrine della gastronomia Peck del Forte dei Marmi, dependance versiliese del locale cult milanese.

peck forte dei marmi

E non è tutto: proprio con l’obiettivo di rendere il “piatto Forte” una sorta di pietanza dell’estate, dall’edizione 2023 A Tavola sulla spiaggia non si terrà più nel mese di agosto, bensì il giorno del solstizio d’estate, ossia il 21 giugno. Uno modo per far sì che possa essere opportunamente comunicato e – perché no? – replicato nelle case e nei ristoranti. Di sicuro sarà disponibile, al pari del vincitore dell’edizione di quest’anno, da Peck al Forte.

Al di là di questa novità, in Versilia i motori sono già caldi per l’edizione 2022 di A Tavola sulla spiaggia. Presto conosceremo il nome dei 12 partecipanti: l’appuntamento con la premiazione, come di consueto, è alla Capannina di Franceschi il giorno successivo, il 5 agosto.

Articolo precedenteCocktail in Laguna: Bar Dandolo a Venezia celebra due secoli di attività
Articolo successivoEstate 2022 a Firenze, ecco i 10 locali all’aria aperta da non perdere
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi