Ecco i 22 maestri pasticceri finalisti della Coppa del Mondo del Panettone 2021, provengono da 9 Paesi. La premiazione al Palazzo dei Congressi di Lugano dal 5 al 7 novembre

Provengono da Italia, Francia, Spagna, Svizzera Portogallo, Stati Uniti, Canada, Brasile e Australia i 22 finalisti della Coppa del Mondo del Panettone 2021. I maestri pasticceri che hanno superato le selezioni nei loro Paesi, durate oltre due anni, saranno presenti a Lugano (Svizzera) al Palazzo dei Congressi dal 5 al 7 novembre 2021 per conquistare il titolo di Miglior Panettone 2021. La cerimonia di premiazione del Miglior Panettone tradizionale si svolgerà domenica 7 novembre alle 17.30.

Coppa del Mondo del Panettone 2021

A giudicare i finalisti e a consegnare il premio del Miglior Panettone 2021 sarà una giuria di professionisti ed esperti del settore provenienti dall’Argentina, Francia, Irlanda, Italia,  Spagna e Svizzera, tra cui il presidente di giuria Massimo Ferrante, vincitore della Coppa del Panettone 2019 e Paco Torreblanca, Miglior pasticciere di Spagna. I 22 concorrenti dovranno presentare sei pezzi da 1 kg di panettone tradizionale, realizzati con pasta madre naturale, doppia fermentazione naturale e dalla forma alta.

Finalisti categoria Panettone Tradizionale

Salvatore Tortora, Marigliano (Napoli, Italia); Valerio Santi, Pizzighettone (Cremona, Italia); Lunardi Massimiliano, Quarrata (Pistoia, Italia); Fiorenzo Ascolese, Salerno (Italia); Damiano Pagani, Dello (Brescia, Italia); Gianfranco Nicolini, Porto Recanati (Macerata, Italia); Antonio Losito, Nibionno (Lecco, Italia); Anthony Daniele, Montréal (Québec); Andreia Borba Coina, Setubal (Portugal); Ermenegildo Cimmino  Blainville (Canada); Luca Danesi, Melano (Svizzera); Gianluca Rizzo, Mobio Inferiore (Svizzera); Arwinder Singh-Badwal, Bellinzona (Svizzera); Ton Cortes Barcellona, (Spagna); Adan Sáez Ventura, Riudoms (Tarragona, Spagna); Quentin Berthonneau, Noyers sur Jabron (Francia); Thomas Teffri-Chambelland Parigi (Francia); Franck Collas, Beaugency (Francia); Joseph Settepani, Staten Island New York (USA); Jaime Martinez, Saint Paul Minnesota (USA); Gary Rulli Rory, San Francisco (USA); Tatiana Coluccio, Melborun (Australia).

Coppa del Mondo del Panettone 2021 finale

Per la prima volta si terrà anche il concorso del Panettone al Cioccolato, con 12 finalisti che sono stati selezionati dalla prima selezione unica mondiale che si è tenuta lo scorso giugno. La premiazione si svolgerà sabato 6 novembre alle 17.30. Ecco i finalisti della categoria Panettone al cioccolato:

Pasticceria Ferrante, Stefano Ferrante, Campomorone (Genova, Italia); Pasticceria Andreoletti, Bruno Andreoletti Brescia (Italia); Es Forn, Maties Miralles Vidal Es pla de na tesa (Belears); Pasticceria Colombo, Claudio Colombo, Barasso (Varese, Italia); ArteBianca Roberto Gatti Lugano (Svizzera); Panificio Fantuzzi, Davide, Fantuzzi Calerno (Reggio Emilia, Italia); Pasticceria Mascolo, Giuseppe Mascolo, Visciamo (Napoli, Italia); Lorenzo Turri, Munchwilen (Svizzera); Eredi Ernesto Munger, Paradiso Lugano (Svizzera); Panificio Segala, Samuele Segala, Fumane (Verona, Italia); Pasticceria Come una volta, Beatrice Volta, Quarrata (Pistoia, Italia); Panetteria Poncini, Luca Poncini, Maggia (Svizzera).

Coppa del Mondo del Panettone 2021 finale

Oltre alla competizione Palazzo dei Congressi di Lugano ospita tre giorni di dimostrazioni, degustazioni, visite agli espositori, laboratori, workshop per celebrare la storia e la lavorazione di un prodotto che è riuscito a valicare i confini d’origine e la stagionalità per imporsi sulla scena dolciaria mondiale.

Articolo precedenteFormazione & alta cucina, al via l’anno accademico del Cordon Bleu
Articolo successivoPanettone World Championship 2021, ecco i 20 finalisti: domani finale a Milano
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi