Definita la griglia dei 16 chef che parteciperanno alla Italian Chef Charity Night del 7 settembre sulle terrazze del Forte Belvedere: i fondi raccolti andranno al comitato italiano del World Food Program dell’Onu per l’emergenza in Ucraina

Ci sono chef stellati, talenti emergenti e volti nomi del jet-set gastronomico toscano: è stata definita la griglia dei 16 chef che parteciperanno alla Italian Chef Charity Night 2022, in programma mercoledì 7 settembre 2022 sulle terrazze del Forte Belvedere, a Firenze. Si tratta degli stellati Riccardo Monco (Enoteca Pinchiorri), Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati), Paolo Lavezzini (Il Palagio del Four Seasons Hotel), Marco Cahssai (Atman a Villa Rospigliosi, Lamporecchio PT), Vincenzo Martella (Linfa, San Gimignano SI), cui si aggiungono Giovanni Cerroni (Mimesi), Vito Mollica (Chic Nonna) e Ariel Hagen (Saporium – Borgo Santo Pietro, Chiusdino SI).

gruppo cuochi Italian Chef Charity Night 2022

Accanto a loro, giovani talenti come Salvo Pellegriti (Vetreria), Lorenzo Romano (Insolita Trattoria), Luigi Bonadonna (The Stellar), la coppia Elisa Masoni / Gabriele Andreoni (L’Oste a Calenzano) e la new entry Giuseppe Papallo (Architettura del Cibo). Completano il team una serie di chef già affermati – nonché habitué della manifestazione di beneficienza – come Andrea Perini (Al 588, Bagno a Ripoli), Edoardo Tilli (Podere Belvedere, Pontassieve) e Matteo Donati dall’omonimo ristorante di Castiglion della Pescaia (Grosseto).

Photo: WFP/Deborah Nguyen

Ognuno dei 16 chef che aderiscono a Italian Chef Charity Night 2022 presenterà un proprio piatto: con il contributo d’ingresso di 25 euro i partecipanti alla serata riceveranno 5 contromarche e potranno assaggiare 5 piatti, mentre ulteriori assaggi saranno in vendita a prezzi popolari. Tutto il ricavato sarà destinato al comitato italiano del World Food Program, ente dell’ONU, per l’emergenza in Ucraina. Un modo per far sentire la vicinanza di Firenze, della Toscana e dei suoi chef alla crisi del Paese europeo alle prese con una gravissima crisi umanitaria.

Qui i biglietti in prevendita

Articolo precedenteBadia di Morrona: un tesoro geologico tra le colline del Chianti pisano
Articolo successivoA Calenzano (Firenze) i primi “Mondiali” del ceviche, tutti i vincitori
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

3 COMMENTS

    • Salve Nicoletta,
      i biglietti si potranno acquistare su EventBrite, a breve attiveremo l’evento e scriveremo un post indicando il link 🙂

Rispondi