Vi consigliamo i cinque locali imperdibili dove gustare la focaccia di Recco, prelibata specialità ligure, nella città che le ha dato i natali

di Selene Scinicariello

Gustosa e succulenta, croccante e bruciacchiata al punto giusto, caratterizzata da una colata di formaggio caldo e da una pasta sottilissima, la focaccia di Recco è uno dei piatti più golosi (e conosciuti) della Liguria. Dal 2015 questo prodotto vanta il marchio IGP, ma le imitazioni sono sempre tantissime. L’unico posto per mangiare quella vera, però, è sempre e solo la cittadina ligure in provincia di Genova che le ha dato i natali.

Ecco, allora, quali sono le 5 migliori focacce col formaggio di Recco da provare assolutamente.

La Manuelina

Vero e proprio tempio della focaccia al formaggio di Recco, la Manuelina è un locale storico di Recco che porta avanti una tradizione dal 1885. La diatriba tra la Manuelina e il ristorante Da O’ Vittorio su chi abbia davvero inventato questa prelibatezza non è stata sanata ancora oggi e tra gli abitanti della cittadina c’è chi si schiera da una parte e chi dall’altra. Rimane il fatto che entrambe le focacce sono squisite.

La Manuelina oggi è una focacceria, ma anche un ristorante gourmet che con i suoi piatti segue il divenire delle stagioni e un hotel 4 stelle. Di tempo, da quei giorni in cui la bisnonna Manuelina preparava la focaccia al formaggio, ne è passato, ma la bontà di questo piatto è sempre la stessa: le teglie continuano ad andare e venire tra il forno e i tavoli in cui i commensali le spazzolano in un battibaleno.

Da O’ Vittorio

È lui l’altro ristorante tipico di Recco dove gustare l’ottima focaccia al formaggio. Da O’ Vittorio vanta 100 anni di storia e oggi si compone di due sale ben distinte: una dai toni più seri dedicata al ristorante e una, più rustica, adibita a focacceria. La focaccia esce dalla cucina, viene tagliata in sala e servita bollente sulla tavola, ma dura poco: un pezzo ne tira un altro e si esce di qui solo con le pance piene.

Da O’ Vittorio è un ottimo indirizzo per una sosta golosa a base di piatti tipici liguri: oltre alla famosa focaccia, infatti, consigliamo di assaggiare i pansoti, le trofie al pesto, ma anche l’ottima frittura di acciughe fresche.

focaccia di recco

Vitturin 1860

Poi c’è Vitturin che da oltre 150 è un punto di riferimento del panorama gastronomico della provincia di Genova. Come la Manuelina e Da O’ Vittorio, anche questo locale è uno dei posti migliori dove assaggiare la classica focaccia di Recco, sottile, calda e piena zeppa di formaggio. Oltre a questa deliziosa prelibatezza, Vitturin è specializzato in piatti di pesce fresco che affondano le radici nella tradizione ligure. Dal menù spicca, ad esempio, la golosa frittura mista del Golfo.

La Baracchetta di Biagio

Spostandoci sul mare, in un ambiente più spartano, troviamo La Baracchetta di Biagio. Questo è uno degli indirizzi più amati da genovesi (e non) per un pranzo nel fine settimana durante la bella stagione. A dimostrazione della bontà della sua focaccia c’è la lunga fila davanti al locale che può durare anche fino a pomeriggio inoltrato. La Baracchetta è aperta ormai da decenni e oltre alla classica focaccia col formaggio, sono immancabili le focaccette fritte e ripiene di formaggio che si possono anche ordinare da portar via per gustarle direttamente sulla spiaggia.

focaccia di recco

Tossini

Infine c’è Tossini, storico panificio che ormai è diventato un vero e proprio brand con diversi negozi in riviera e i cui prodotti, ormai, si possono trovare anche in molti supermercati e da Eataly. La storia del forno inizia nel 1899 e oggi ha come obiettivo di far conoscere i prodotti tipici della Liguria anche fuori regione. La focaccia col formaggio è sottile e golosa e anche qui, a dimostrazione della sua bontà, c’è la lunga fila che aspetta il suo turno per accaparrarsene una fetta.

focaccia di recco
ph. https://cookandlove.it/

Una menzione particolare va alla focaccia col formaggio spennellata di pesto: una vera prelibatezza. Il consiglio che diamo è quello di farsi lasciare anche forchetta e coltello e andarsi a godere la focaccia in riva al mare.

Rispondi