Il “triangolo” dell’Oltrepò Pavese punta sulle eccellenza enogastronomiche per rilanciare il turismo messo in ginocchio dal Covid 19. Attiva anche una App

Castello di Cignogmola visto dalle colline di Cignognola

In poco più di 1000 chilometri quadrati nell’Oltrepò Pavese si ritrovano paesaggi montani, collinari e pianeggianti bagnati da laghi e attraversati da fiumi. Essendo abbastanza vicino a grandi città come Milano, Torino, Genova o Pavia ha sofferto per molto tempo del turismo “mordi e fuggi”. A peggiorare la situazione è arrivata l’emergenza Covid-19 che ha dato il colpo di grazia al turismo dell’Oltrepò.

Botti di Buttafuoco della cantina Marco Piovani

Così Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e la Camera di Commercio di Pavia hanno messo in campo una task force per valorizzare le eccellenze enoagroalimentari del territorio. In collaborazione con il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, al Distretto del Vino di Qualità dell’Oltrepò Pavese e al Consorzio Club Buttafuoco Storico, è stato realizzato un progetto per rilanciare l’intero territorio pavese. Protagoniste della rinascita turistica saranno le aziende vitivinicole che, partendo da un un’ottica di marketing territoriale, “useranno” la filiera del vino per attrarre i turisti.

Artigiano del legno – Massimo Piovani a Canneto Pavese

Il progetto prevede la valorizzazione dell’intero comparto enoalimentare che comprende non solo vini e prodotti tipici. Ma anche le botteghe storiche e i luoghi dove sostare per una merenda o una cena in locali che lavorano prodotti a chilometro 0, o gli alberghi e gli agriturismi.

Lavanda a Cabanon, Godiasco

Vite e Vino: cultura ed esperienza

OltrepoPavese è una guida 2.0 al turismo slow nella provincia pavese attraverso una app, compatibile iOS e Android, completa di 15 itinerari differenti. Sono percorsi enogastronomici, luoghi dove sostare, orari di apertura e così via. I percorsi sono pensati per poter essere seguiti in autonomia, in automobile, a piedi, in bicicletta e perfino a cavallo.

Botti di Prime Alture, Casteggio

Autunno Pavese in Tour

Il tradizionale evento Autunno Pavese è stato totalmente ripensato e adattato alle nuove esigenze. Una inedita formula “in Tour”, attraverso 40 aziende storiche della provincia di Pavia che hanno aperto le porte a visitatori e operatori del settore. Oltre 1.000 persone hanno partecipato alle iniziative, mentre la campagna social creata a sostegno dell’iniziativa, ha raggiunto circa 560mila persone, localizzate soprattutto in Lombardia e nelle regioni limitrofe. Non solo visite e scoperta ma anche incontri virtuali B2B.

Pinot Nero maturo

A Pavia si beve Oltrepò

Una campagna di marketing territoriale del vino che nasce con l’obiettivo di fare cultura del vino dell’Oltrepò, spiegando a turisti e appassionati le peculiarità del ricco patrimonio di vitigni e di DO del territorio pavese. Un’operazione ingente attraverso il portale www.apaviasibeveoltrepo.it destinato a raccogliere notizie e curiosità sui vini e tutte le informazioni utili al consumatore per orientarsi con più facilità nelle proprie scelte, corredato da un’ampia azione sul territorio per coinvolgere i gestori dei locali dove si servono i vini delle aziende dell’Oltrepò con sinergie informative e promozionali.

Rispondi