Il pollo è una delle carni più amate, il suo sapore delicato conquista anche i bambini e la sua carne leggera ne fa un cibo salutare, adatto a tutti. Per cucinarlo al meglio il segreto risiede nella marinatura e nella cottura

Il pollo ha un sapore piuttosto delicato che a volte al palato può risultare un po’ piatto, per cui una buona marinatura e l’uso di spezie ed aromi consente di renderlo ricco e pieno. La cottura perfetta si ottiene quando la carne è ben cotta ma non stopposa, anzi deve risultare succulenta e la pelle ben dorata e croccante.

Pulire il pollo

Per iniziare nel modo migliore, prendete un buon pollo dalla carne soda e non troppo magro. Iniziate a pulire il pollo esternamente, togliete tutte le piumette che sono rimaste nella pelle. Per farlo potete bruciarle avvicinandole ad una fiamma e poi eliminarle con l’aiuto di un foglio di carta da cucina. Elimina l’uropiglio, la ghiandola che si trova all’estremità del pollo. Ora verificate che il pollo sia ben pulito all’interno e sciacquatelo molto bene sotto l’acqua del rubinetto, sia internamente che esternamente. Assicuratevi che all’interno non siano presenti residui di sangue. Dopo averlo lavato asciugatelo bene con carta da cucina, anche all’interno.

Marinare il pollo

La marinatura è un passaggio fondamentale per la buona riuscita del pollo al forno, in quanto ne esalta il sapore. In questo modo la carne acquista un gusto pieno ed aromatico. Scegliete quali sapori utilizzare in base al vostro gusto personale e alla nota aromatica che volete ottenere. Le erbe aromatiche, come rosmarino e timo, sono la scelta più tradizionale, se amate i sapori decisi e speziati utilizzate spezie quali paprica, curry e aglio e peperoncino. Per un gusto orientale provate una marinatura con salsa di soia, zenzero, lime o succo di limone e miele. È importante che i sapori siano ben bilanciati, in modo che, a cottura ultimata, nessuno prevalga e che conferiscano una armonia di sapori

Il procedimento è il seguente. Per prima cosa predisponete una ciotola capiente in cui possa stare comodamente il pollo intero. In una ciotola a parte preparate la marinatura con le spezie e gli aromi che avete scelto in precedenza, aggiungete sale e pepe e versate sopra una dose generosa di olio d’oliva. Miscelate bene con un cucchiaio. Ora che la marinata è pronta versatela sopra il pollo, facendo in modo di bagnare bene tutta la carne, comprese le ali. Un procedimento alternativo è quello di mettere gli aromi e le spezie nel mortaio, pestarle ed utilizzarle per massaggiare il pollo. A questo punto inserire del burro ammorbidito tra la carne e la pelle del pollo. In ogni caso lasciate riposare il pollo nella marinatura per una notte, in frigorifero.

La cottura del pollo

Togliete il pollo dal frigorifero e lasciatelo a temperatura ambiente per circa mezz’ora, in questo modo la cottura richiederà meno tempo e sarà uniforme. Trascorso questo tempo, preriscaldate il forno impostando a 200-220 gradi. Disponete il pollo in una teglia dai bordi medio bassi. Per evitare che la carne del petto diventi troppo asciutta, ponete il pollo con il petto rivolto verso il basso, adagiato sul fondo della teglia. Lasciate cuocere così per circa 20-30 minuti, poi abbassate la temperatura a 180 gradi e rigirate il pollo con il petto verso l’alto.

Proseguite la cottura per altri 30-40 minuti. Ogni tanto irrorate il pollo con il suo fondo di cottura. Un pollo di circa 2 kg dovrebbe richiedere un’ora abbondante di cottura, tuttavia regolatevi in base alla dimensione del pollo e all’esperienza del vostro forno. È importante che la carne sia ben cotta e si stacchi facilmente dall’osso. Potete servire il pollo subito o lasciatelo riposare coperto con della carta di alluminio, ma senza sigillarlo in modo che il vapore possa fuoriuscire senza rovinare la croccantezza.

Rispondi