Nel 2021 il salone Taste si svolgerà a Firenze da sabato 10 a lunedì 12 aprile. Non più alla Leopolda, ma alla Fortezza da Basso

In attesa di valutare le evoluzioni della pandemia, Pitti Immagine – la società che gestisce Taste – ha fissato le date della 15° edizione della manifestazione dedicata alle eccellenze gastronomiche italiane che presenta le novità di oltre 400 aziende italiane a un pubblico sempre più attento di buyer, operatori del settore, stampa specializzata e food lovers. L’appuntamento andrà in scena da sabato 10 a lunedì 12 aprile alla Fortezza da Basso di Firenze.

“Dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria nel 2020, torniamo a lavorare a questa nuova edizione con grande entusiasmo e con profonda consapevolezza del momento che stiamo attraversando”, annuncia Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine. “Per questo abbiamo ritenuto necessario compiere alcune scelte di fondo a tutela della salute di espositori e visitatori”.

firenze taste 2019

Innanzitutto, la location. Per questa edizione, Taste lascia la Stazione Leopolda e si sposta alla Fortezza da Basso, luogo in cui gli spazi espositivi e le aree comuni garantiscono il necessario distanziamento fisico e il rispetto delle norme di sicurezza. “I nostri architetti sono già al lavoro per realizzare un allestimento che rispecchi lo stile che ha sempre caratterizzato Taste. Layout, grafiche e stand si adegueranno alla nuova location riproponendo l’atmosfera elegante e accogliente di sempre”, precisa Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine. Sempre in tema sicurezza, sarà esteso anche a Taste il pacchetto straordinario di misure e servizi, #SaferWithPitti, progettato da Pitti Immagine in vista dei prossimi saloni fisici.

Altra novità: nel 2021 Taste “slitta” in avanti di un mese: non più marzo, ma dal 10 al 12 aprile. “Riteniamo che questa sia una scelta strategica nell’interesse dei nostri espositori, oltre che di buon senso per la sicurezza di tutti. Posizionare il salone a primavera inoltrata servirà ad archiviare i mesi invernali e a incentivare la partecipazione”, prosegue Poletto. Infine, anche per gli espositori di Taste, a integrazione del salone fisico, verrà attivata la piattaforma digitale Pitti Connect. “Pitti Connect si è rivelato uno strumento molto importante per i nostri espositori. Attraverso questa piattaforma, le aziende di Taste vedranno aumentare le possibilità di essere contattate da buyer e operatori, anche quelli non presenti fisicamente in fiera. Potranno pianificare gli incontri, effettuare video chat e raccontare al meglio i propri prodotti e i propri valori”, conclude Poletto.

Articolo precedenteRistorante Gilda Forte dei Marmi: l’unione di famiglia che fa la forza
Articolo successivoNovara, la Francia e… il Senegal: tutte le rivendicazioni di paternità sul Negroni
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi