Dopo cinque edizioni a Firenze, la Cocktail Week italiana raddoppia e sbarca in laguna. Dal 13 al 19 dicembre appuntamento con i migliori cocktail bar di Venezia, by Paola Mencarelli

Quest’anno, i cocktail della Serenissima avranno tutt’un altro sapore. Per la prima volta sbarca in laguna la Venezia Cocktail Week, l’appuntamento dedicato alla mixology di qualità. Dopo cinque edizioni in riva all’Arno, la kermesse ideata e organizzata da Paola Mencarelli raddoppia: insieme all’evento fiorentino (settembre 2021) sbarca a Venezia, dal 13 al 19 dicembre, grazie al supporto di Aman Venice.

Le modalità del festival sono le stesse di Firenze: un’intera settimana in cui sono coinvolti Bar d’Hotel, Cocktail Bar e Caffè Storici in un’ottica diversa da quella più tradizionale alla quale la città è stata fino ad ora abituata. E poi le consuete Masterclass, Night Shift e serate a tema. Non mancheranno inoltre iniziative culturali e attività ricreative per avvicinare il pubblico alla scoperta di una Venezia diversa.

“Ad Aman Venice – spiega Silvia Manganaro, Director of Sales & Marketing – siamo molto orgogliosi di aver contattato il team di Florence Cocktail Week per portare anche a Venezia una manifestazione che contribuisca a dare lustro all’offerta legata al mondo della mixology della Serenissima e che dia l’opportunità a questo mondo di collaborare e confrontarsi. È nato tutto per caso: il bar di Aman Venice è per noi un asset importante e forse il servizio dell’hotel che più ci permette di tenere i legami con la città: ci siamo detti che una manifestazione che coinvolgesse tutta la città e che potesse anche contribuire a promuovere un turismo qualificato, legato proprio al mondo della mixology, come già accade in altre città del mondo, potesse essere un’idea vincente”.

“In questo anno così particolare – le fa eco Paola Mencarelli – noi non ci siamo arresi ed abbiamo deciso di raddoppiare portando il nostro format Cocktail Week a Venezia. Sarà un’edizione insolita per questo tipo di manifestazione che predilige la bella stagione, ma riscalderemo questa splendida città d’arte e di cultura a suon di shaker e di cocktail”.

Inoltre, c’è un altro motivo che lega l’autunno veneziano al mondo dei cocktail: uscirà a settembre il libro “Venezia da Bere” di Alessandra Iannello (ed. Il Forchettiere) che riunisce i migliori 25 cocktail bar in laguna più una serie di interviste e approfondimenti, dagli chef del territorio ai bacari fino alle storie imprenditoriali dei produttori di liquori e distillati made in Veneto.

Articolo precedenteFirenze, valzer degli chef: Vito Mollica lascia il Four Seasons, Lorenzini a Passignano
Articolo successivo“Dante in vigna”: l’enoturismo made in Tuscany riparte con Cantine Aperte
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi