Il giovane Danilo Massa, membro di Euro-Toques Italia, è il nuovo chef del Santo Bevitore, il ristorante dell’Albergo Corona di Novi Ligure (Alessandria)

Nato a Borgomanero, Danilo manifesta fin da piccolo la sua passione per la cucina. Una passione che si materializza nella scelta della scuola superiore con l’iscrizione all’Istituto Alberghiero di Varallo Sesia. Qui, durante gli anni di studio, Danilo inizia a frequentare alcune cucine dei ristoranti della sua zona. Terminata la scuola comincia viaggiare, a girovagare in Italia ed in Europa, con una gran voglia di conoscere ricette nuove, ingredienti diversi, tecniche moderne, persone determinanti per la sua crescita e culture lontane da approfondire. Da aiuto cuoco stagista presso l’Hotel Excelsior Planet di Cervinia passando a capo partita del leggendario Pinocchio di Borgomanero sotto la guida di Piero Bertinotti fino a chef dell’Oinos restaurant di Budapest, Danilo amplia le conoscenze sulla cucina, che gli danno la giusta ispirazione per creare piatti nuovi, dai sapori molto freschi e piacevolmente delicati.

Nel suo nuovo sancta sanctorum, il ristorante Santo Bevitore dello storico Albergo
Corona, rinato a Novi Ligure nel 2018, Danilo propone piatti tradizionali e creativi,
giocando coi colori, le forme, le temperature e le consistenze. Assolutamente da provare nella proposta “Tradizione” La mia bagna caoda di verdure, gli Agnolotti al sugo di arrosto, il Brasato e consistenze di verdure e il Quasi un bonet (semifreddo agli amaretti e cioccolato, glassa al caramello), mentre nel Creativo il Cappuccino di formaggio di capra, polvere di caramello e peperoncino, terra di noci, i Bottoni trota e funghi, brodo di tabacco, il Piccione, riduzione di vin e la Banana split.

Il tutto accompagnato da una valida carta dei vini e un accurato e cordiale servizio. Insomma, una vera sosta gourmet!

 

Articolo precedenteCosa chiedere al 2021? Ecco gli auguri & auspici di 30 chef toscani
Articolo successivoIl Netflix dei distillati: “The Gin Way”, in Italia c’è un nuovo modo di bere gin
Claudio Zeni
Laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali e nazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli, il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il premio ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson' ed ultimo (2019) il Premio Giornalistico Città di Cherasco. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Rispondi