Estate 2022, la Versilia è pronta a ripartire. Tra hotel, ristoranti e locali da ballo, le sabbie nobili lanciano una stagione ricca di novità

Non siamo nemmeno vicini all’inizio di luglio, ma le sabbie nobili della Versilia si preparano ad accogliere turisti italiani e stranieri con un’offerta piuttosto ampia: hotel, ristoranti, lidi, differenti nello stile ma accomunati da un’altissima qualità. Ne abbiamo selezionati alcuni, esempio di una dolce vita in salsa versiliese che sarà protagonista dell’estate 2022.

Madeo al Forte

Era uno dei nomi storici della dolce vita versiliese, frequentato da dinastie come gli Agnelli e i Moratti, e ora Madeo al Forte riapre rinnovato nel design e con una nuova formula di intrattenimento che richiama il mondo nautico. Rilevata dalla società di consulting internazionale Blue Water Group, infatti, la struttura torna ad essere locale di tendenza della Versilia, luogo di ritrovo per una clientela sofisticata e attenta al dettaglio. La cucina di mare curata dallo chef Franco Bloisi, ispirata alla tradizione mediterranea interpretata in chiave contemporanea, gioca sulla seduzione della semplicità e sulla riconoscibilità del gusto.

Il menù di Madeo al Forte spazia così tra gli antipasti crudi e cotti – tra cui il “Crudo Imperiale” con tartare di pesce bianco e di tonno, gambero rosso, scampi e ostriche – e primi con pasta fatta tutta in casa ( come “Le Chicche della Nonna Madeo”con crostacei, pecorino romano, datterini e basilico) fino a secondi scenografici come la “Gran Catalana Madeo” con astice, scampi, mazzancolle, verdure croccanti e citronette.

Ad accompagnare l’estetica semplice ed essenziale delle proposte ecco un ambiente dall’eleganza sobria e discreta con i décor che omaggiano il design inconfondibile dei leggendari Riva, intramontabili Stradivari delle barche con il loro primato di stile e di bellezza. Immancabile, quindi, l’iconico legno pregiato che si sposa armoniosamente con la raffinata mise en place dominata dal tovagliato bianco e con il blu di prussia che caratterizza le sedute dei diversi ambienti. Grande novità dell’estate è il teatro esterno in cui saranno proposti dinner show in stile Saint Tropez e Lío di Ibiza. L’animazione degli spettacoli è affidata a 14 grandi artisti internazionali che hanno collaborato con il Moulin Rouge, Le Lido e Paradiso Latino di Parigi. Non mancheranno infine i grandi classici della mixology e il coinvolgente piano bar sotto le stelle.

Il Magnolia dell’Hotel Byron (Forte dei Marmi)

Il fascino dell’Hotel Byron – il boutique hotel 5 stelle di Salvatore Madonna (Gruppo Soft Living Places) – torna a incantare i propri ospiti e dà il benvenuto a Marco Bernardo, nuovo chef del ristorante stellato La Magnolia. Classe ’94, di Airola (Benevento), porta in Versilia una proposta giovane e divertente, un mix di suggestioni mediterranee, che non dimentica lo sguardo internazionale. Tra carta e due menù degustazione (“Quattro portate per conoscerci” per gli amanti del pesce e “Sei portate tra il mare e la montagna”) lo chef esprime una proposta dove il pane torna ad avere un ruolo importante: in tavola sono presenti i taralli napoletani, la focaccia della Versilia e il pane di Vinca tipico della provincia di Massa Carrara, un pane cotto in forno a legna e realizzato con crusca e farina 1 che conferiscono una fragranza e un aroma particolari.

Il nuovo menù si rifà alla tradizione della cucina mediterranea e porta nel piatto un perfetto connubio tra i gusti delle due regioni. La cifra stilistica dello chef Bernardo sta nella semplicità, pochi ingredienti interpretati con lunghe e complesse elaborazioni. Il prodotto viene sviscerato in ogni sua sfumatura per accentuarne ed esaltarne ogni singolo aspetto. Una cucina fondata sulla ricerca di prodotti di alta qualità del territorio toscano e campano che vengono interpretati attraverso ricette e tecniche antiche in chiave moderna.

Una Hotel Versilia al Lido di Camaiore

Se anche in Versilia la terrazza è ormai un must per tutti quegli hotel che vogliono stupire i propri ospiti con un ampio ventaglio di comfort come la piscina, il ristorante gourmet o ancora i campi sportivi, oltre che camere e locali da sogno, le strutture UNA Esperienze e UNAHOTELS non fanno eccezione. Molte sono dotate di rooftop suggestivi che permettono di posare gli occhi sui più bei panorami italiani, come nel caso dell’hotel Versilia Lido | UNA Esperienze e del suo Roof Bar & Restaurant by “UNA cucina”, che oggi riapre i battenti per abbracciare interamente l’estate.

L’Una Hotel Versilia è immerso in una delle ambientazioni più ambite del centro Italia e dotato di tre ristoranti tra cui il Garden Bar e il Roof Bar by “UNA cucina”. Quest’ultimo, in particolare, è ideale per godere di una vista sul Tirreno e gustare un pasto o un aperitivo 100% made in Italy: da oggi non maschereranno le occasioni di degustare prodotti tipici locali accompagnati da musica dal vivo o dj set e soprattutto non mancherà l’occasione di sorseggiare il nuovo drink estivo di Gruppo UNA Èspero, con i suoi sapori dedicati alla bella stagione in arrivo.

Hotel Ambrosiano Desio a Marina di Pietrasanta

Si presenta come una delle novità più interessanti della stagione: il ristorante Ambrosiano Desio di Marina di Pietrasanta – il nome è mutuato al greco ámbrotos, l’ambrosia, il cibo che rendeva immortali gli dei – che sorge all’interno del Palazzo della Spiaggia, storico stabilimento balneare della Versilia al cui interno si inserisce il ristorante con la proposta gastronomica firmata dallo chef Andrea Mantovanelli.

Il Palazzo della Spiaggia appartiene da più di mezzo secolo alla famiglia Lazzeri, e l’estate 2022 sancisce il passaggio di consegne ai figli Laura e Alessandro da parte del padre Franco Lazzeri, custode sin da ragazzo della bellezza e dell’energia di questo luogo. “Laura e Alessandro sono figli del Palazzo, intere generazioni li hanno visti crescere, adesso sono loro che vedono diventare grandi i bambini dei nostri clienti. Forse sono più figli di questa sabbia che non miei” racconta Franco.

Importanti interventi strutturali, un nuovo concept, una rivoluzione nei colori, nell’immagine e una cura dei dettagli ancora più attenta. Tra le novità di quest’estate – tenuta a battesimo con una cena a sei mani con il resident chef Mantovanelli, il francese Jean-François Bérard del ristorante René Sens, La Cadière in Costa Azzurra, e Matteo Mansi, tra le più importanti firme italiane della ristorazione francese, più Gabriele Canova, tra i maggiori esperti di champagne in Italia – c’è il bar Phoenix, omaggio alle 23 palme che da sempre vivono al Palazzo. Anche qui, sarà possibile gustare un menu ideato sempre da chef Mantovanelli coadiuvato dallo chef resident Donald Castelli.

Augustus Hotel & Resort e lo chef Giovanni Giammarino

L’Augustus Hotel & Resort si prepara ad una nuova stagione con una grande novità, una rinnovata proposta Food & Beverage dello chef Giovanni Giammarino, da febbraio Executive del ristorante Bambaissa e Bamba Chill. Dopo la preapertura dell’Augustus Beach Club e di Villa Agnelli, riaprono tutte le restanti strutture parte del resort diffuso (l’Augustus Hotel & Resort, le sue sette ville, l’Augustus Beach Club e l’Hermitage Hotel & Resort, ecc…., tutte le proprietà sono della famiglia Maschietto), che da oltre 70 anni è protagonista indiscusso di Forte dei Marmi e della Versilia.

L’Augustus Beach Club riapre con una proposta gastronomica ripensata in chiave contemporanea da chef Giovanni Giammarino; una cucina fatta di grandi classici rivisitati, attualizzati, dove i sapori e gusti dell’Italia sono protagonisti assoluti, proposta con nuove prospettive, criteri e consistenze, e una grande attenzione alle materie prime frutto della biodiversità tipica della zona. Il nuovo menù è una riscoperta del gusto, al tempo stesso piacere sensoriale e relazione intensa con la bellezza del territorio che si riflette anche sul piano estetico di ogni singolo piatto.

Articolo precedenteBurger made in Tuscany: ad Arezzo tutti pazzi per Alò
Articolo successivoFirenze, cinque motivi per andare a provare Chic Nonna di chef Vito Mollica
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi