Nuovo chef per “La Magnolia” dell’hotel Byron a Forte dei Marmi: si tratta di Marco Bernardo, classe ’94, di Airola. Il ristorante stellato riaprirà il 18 maggio

Marco Bernardo

Da uno chef campano all’altro: dopo l’addio di Cristoforo Trapani, approdato in Costiera Amalfitana, a prendere il suo posto al ristorante stellato “La Magnolia” dell’hotel Byron di Forte dei Marmi (Lucca) è Marco Bernardo, classe 1994, di Airola (Benevento). Con l’ingresso del nuovo chef, La Magnolia – fiore all’occhiello dell’hotel di Salvatore Madonna, raffinato locale a bordo piscina – quest’anno vedrà una proposta gastronomica completamente rinnovata.

Marco Bernardo

Fin da piccolo Marco Bernardo respira i profumi e i sapori della cucina grazie alla nonna, tanti i piatti della tradizione che resteranno ricordi indelebili e che alimenteranno in lui questa passione alla quale tenterà di sfuggire iscrivendosi al liceo scientifico. Dopo il diploma capisce che può stare bene solo dietro ai fornelli e si iscrive al Master in cucina e pasticceria presso la Scuola di cucina “Dolce e Salato” di Maddaloni (Caserta), dove segue le lezioni con i più grandi maestri sia italiani che stranieri.

Marco Bernardo con Salvatore Madonna

Bernardo ha al suo attivo diverse esperienze maturate nei più importanti ristoranti, tra cui il Four Seasons Hotel Milano con Sergio Mei nel 2013, a Le George Four Seasons Hotel a Parigi, nel 2015, dove affianca lo chef Marco Garfagnini in qualità di Demi chef de partie.  Nel 2016 Le George, con la guida dello chef Simone Zanoni, ottiene la stella Michelin e Bernardo è chef de partie. Nel 2018 si trasferisce a Londra per approdare alla corte di Alain Ducasse at The Dorchester, tre stelle Michelin, dove riparte da commis e dopo un anno diventa chef de partie. L’esperienza londinese termina nel 2019 quando decide di tornare a Parigi spinto da una nuova sfida che lo vede non solo ricoprire il ruolo di chef, ma anche di manager al Fuga Family, un nuovo progetto di hotellerie e ristorazione.

Marco Bernardo con Salvatore Madonna

“Sono molto felice che Marco Bernardo entri a far parte del nostro team – afferma Salvatore Madonna, talent scout dei giovani chef – perché è uno chef che mi è piaciuto fin da subito, capace di innovare, che ama mettersi alla prova e che arriva a La Magnolia del Byron deciso a conquistare gli ospiti con una cucina giovane e divertente, un mix di suggestioni mediterranee, semplicità, gusto e che non dimentica lo sguardo internazionale. Ill suo lavoro contribuirà a una ulteriore crescita qualitativa e d’immagine del ristorante”.

Uno chef che mette la sua impronta e la sua formazione cosmopolita al servizio di un menu che torna alle radici ponendo l’accento sulla freschezza e sul costante dialogo con il territorio. Fantasia, creatività, per far viaggiare il cliente tra terra e mare in un continuo scambio. Accanto alle ricette della tradizione locale e della sua terra, introdurrà trattamenti delle materie prime di antico sapore, come la frollatura del pesce, attualizzata in chiave contemporanea da abbinamenti freschi con foglie di limoni di Sorrento e finocchio di mare.

Articolo precedenteJRE Italia, ecco i cinque nuovi talenti che entrano nell’associazione
Articolo successivoFuori di Taste 2022, ecco i 20 appuntamenti da non perdere a Firenze
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi