La costante dell’estate fiorentina 2021 sembra essere il co-branding tra ristoranti e strutture all’aperto: ecco i casi di Villa Vittoria con Fishing Lab e della Ménagère con Riva Loft

Era già successo con l’Harry’s Bar che raddoppia al Grand Hotel Villa Medici. Adesso arrivano altri due “indizi” che fanno una prova, ossia quella del co-branding tra ristoranti e strutture all’aperto come elemento caratterizzante l’estate fiorentina 2021. Complice la ricerca di uno sbocco en plein air per la propria clientela, altri due ristoranti hanno recentemente messo la bandierina su altrettanti luoghi della socialità in riva all’Arno. Si tratta di Fishing Lab, che firmerà il menù di Villa Vittoria davanti alla Fortezza da Basso, e della Ménagère che apre una dependance al Riva Loft con lo chef Erez Ohayon.

Villa Vittoria & Fishing Lab

Due anni fa era stata la sorpresa dell’estate fiorentina, e Villa Vittoria si conferma una delle location più in voga per l’estate fiorentina. La nuova stagione dello spazio urban jungle davanti alla Fortezza da Basso è all’insegna della partnership con Fishing lab, il ristorante di pesce alle Murate, che curerà la parte ristorativa. Fishing Lab porta a Villa Vittoria gli evergreen del suo menù dalla cena à la carte, al buffet servito fino all’aperitivo Take Hawaii.

Si parte il 22 giugno, dalle 19 a tarda notte. I colori accesi e riferimenti alle maioliche siciliane caratterizzano l’allestimento, a partire dalla scalinata d’ingresso fino alla personalizzazione dei menu. Il giardino accoglierà il bar Saint Germain e darà modo di vivere serate immersi nel verde (e vedere anche le partite degli Europei). Spazio poi alla musica dal vivo (direzione artistica di Alessandro Dotti) e agli eventi culturali, dal 5 luglio ogni due settimane, con presentazioni di libri e incontri con personaggi della cultura locali e nazionali, sul modello della Versiliana.

Jardin La Ménagère & Riva Loft

La Ménagère si amplia: contemporaneamente alla cessione della gestione dell’area food all’interno di The Student Hotel e alla ristrutturazione dello storico locale di via Ginori, arriva la liaison estiva – curata dall’architetto Claudio Nardi – con il giardino segreto del Riva Loft. Sta per aprire infatti il “Jardin La Ménagère”, experience restaurant che farà sbocciare lo spazio verde dell’elegante location affacciata sull’Arno con ingresso da via Baccio Bandinelli, frutto di una recente ristrutturazione.

chef erez oyahon

Qui lo chef israeliano Erez Ohayon (già stella Michelin presso La Bottega del Buon Caffè) proporrà un menu à la carte e due percorsi di degustazione in linea con la sua filosofia di cucina, che prende avvio da una parola chiave: rispetto. Declinato sotto forma di rispetto per l’ambiente, per la salute, ma anche per le persone, intese sia come clienti che come produttori e staff. Che non a caso chiama “famiglia”. Al centro della proposta gastronomica, riservata sia agli ospiti di Riva Loft che ai clienti esterni, piatti che evocano un mix di culture e Paesi, attraverso materie prime esclusivamente locali e preparazioni maniacalmente artigianali.

Articolo precedenteCittà Reale (non solo per i Plin): ecco dove mangiare a Torino in 24 ore
Articolo successivoNasce Pawse, la prima birra per cani (analcolica) realizzata in Italia
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi