Ci sono Antonino Cannavacciulo e Matteo Baronetto ma anche il locale di San Salvario e il vignaiolo langarolo, per un totale di 8 stelle Michelin e 12 eccellenze enogastronomiche piemontesi riunite in To Gether.

Il progetto To Gether nasce dalla voglia di Valentina Dirindin, giornalista e comunicatrice torinese, di aiutare le attività della sua regione. Nasce così un e-commerce che propone confezioni regalo contenenti prodotti enogastronomici di grandissima qualità. Ma To Gether è molto di più di un semplice negozio online natalizio. È una rete di realtà imprenditoriali piccole e medie che hanno scelto di fare squadra e di mettersi a disposizione di un progetto collettivo, per lanciare un messaggio ai consumatori. “Quest’anno, per Natale, supportiamo la grande qualità di una regione, il Piemonte, che da sempre fa della sua enogastronomia un punto di forza”.

Ogni brand ha selezionato una serie di prodotti che entrano in un elegante pacco regalo confezionato a mano e brandizzate con un timbro dal sapore vintage che potranno essere accompagnate da un biglietto d’auguri personalizzato scritto a penna.

Il team di To Gether:

Farmacia del Cambio – Matteo Baronetto

La Farmacia Del Cambio occupa i locali della Farmacia “Bestente”, storica bottega di speziali nata nel 1833 e trasformata oggi in una boutique/laboratorio del gusto dove è possibile gustare e acquistare pasticceria e prodotti Del Cambio rivisitati da Matteo Baronetto. Lo chef pâtissier Maicol Vitellozzi e il suo team producono ogni giorno nei laboratori di Piazza Carignano a Torino prodotti da forno e creazioni di alta pasticceria. Per To Gether la Farmacia del Cambio ha messo a disposizione il suo panettone classico, realizzato a lievitazione naturale e ricoperto di una glassa guarnita con mandorle intere.

Laboratorio – Antonino Cannavacciuolo

Il Laboratorio artigianale di Antonino Cannavacciuolo nasce a Suno, a pochi chilometri da Novara, per sfornare ogni giorno preparazioni dolci e salate. Le creazioni di alta pasticceria sono curate dallo chef pâtissier Kabir Godi e del suo team. Per To Gether Antonino ha voluto rendere omaggio al babà realizzandolo con la tecnica della vasocottura. Questo tipo di tecnica permette di mantenere umidità e aromi all’interno del vaso e di avere un prodotto fresco fino al momento dell’apertura.

Christian e Manuel Costardi

Christian e Manuel Costardi hanno saputo trasformare l’albergo di famiglia in una destinazione gourmet. Oggi nel loro ristorante una stella Michelin il riso è da sempre protagonista delle loro proposte. Ed è proprio il loro riso, il prodotto che i due fratelli hanno selezionato per il Natale To Gether.

Davide Palluda

Davide Palluda detiene dal 2000 una stella Michelin nel suo ristorante “All’Enoteca”, annesso all’Enoteca Regionale del Roero, con sede a Canale. Nel 2006, in collaborazione con sua moglie Annalisa, Davide apre il laboratorio DP, grazie al quale la sua filosofia del gusto può arrivare nelle case dei suoi clienti, trasferendo in barattolo i sapori che studia e propone nel suo ristorante. Una selezione di conserve dolci e salate si ritrovano nella confezione To Gether.

Campamac – Maurilio Garola

“Campamac” è una parola del dialetto piemontese che significa letteralmente “dacci dentro”. È utilizzata come incoraggiamento durante il saluto di arrivederci. Ed è anche il motto che da sempre usa per suonare la carica alla sua squadra in cucina Maurilio Garola, executive chef dell’osteria Campamac, già famoso in Langa da più di vent’anni per il suo ristorante, la Ciau del Tornavento, con una stella Michelin, e con una cantina tra le più belle d’Italia. Per To Gether Mauro ha selezionato i suoi tajarin realizzati con la ricetta tradizionale.

Affini

Affini nasce 10 anni fa a San Salvario, quartiere di Torino dall’anima popolare. Oggi è diventato una realtà composta da due locali, con una cucina influenzata dalla composizione multietnica dello staff, un menu ampio e curioso e una carta dei cocktail che segue la grande inventiva del capo barman, Michele Marzella. La storia del marchio Affini è fatta anche di sperimentazione. Nascono così prodotti come il Vermouth Anselmo, il Gin Taggiasco, il Sakè Nero di Vercelli, ‘L Türinèis in collaborazione con Guido Castagna e molti altri.

Davide Appendino

Davide Appendino è un artigiano del cioccolato torinese, che da dieci anni si dedica al mondo del cacao tanto da arrivare a una sua produzione “bean to bar”, ovvero dalla fava alla tavoletta. La massima espressione di questo percorso sono le sue tavolette monorigine, un viaggio sensoriale nei principali Paesi produttori di cacao.

Enrico Serafino

Nel 1878 Enrico Serafino realizza il sogno e diventa un produttore di vino. Da allora la Casa ha prodotto uve e vini di Barolo, Langhe, Roero e Monferrato. Il patrimonio viticolo della Casa si compone dei vigneti di proprietà nelle zone di Serralunga d’Alba (Barolo), Canale (Roero) e Cerretto Langhe (Alta Langa), a cui si unisce il controllo di uve provenienti dal Monferrato (Moscato d’Asti e Gavi). Dal 1994 la Enrico Serafino è uno dei pionieri della nuova docg Alta Langa.

Gin Agricolo e Cantine Sant’Agata

Franco Cavallero ha realizzato il suo sogno di produrre un gin che sia frutto del territorio, del quale possa seguire l’intera filiera produttiva, utilizzando solo ingredienti freschi, botaniche selezionate e coltivate da lui a chilometro 0. Nasce così il Gin Agricolo, caratterizzato da una ricetta basata sull’utilizzo di varietà interamente provenienti dal Piemonte, coltivate direttamente da Cavallero e utilizzate fresche.

gliAironi e In Fermento

gliAironi non è solo un’azienda produttrice di riso, ma è una realtà che vuole farsi portavoce della cultura e della storicità di un prodotto d’eccellenza del made in Italy, raccontandolo chicco dopo chicco. Ma quella del riso gliAironi è anche una storia che guarda al futuro, concentrando gli sforzi sull’innovazione di prodotto e realizzando, per esempio, Nero, il primo sakè italiano (con la società In Fermento) o Nebbia, il riso affumicato con legno di ciliegio per 14 ore.

Mara dei Boschi e Ialty

Mara Dei Boschi è un laboratorio artigianale esperienziale e di ricerca nei mondi del gelato, del cioccolato e degli specialty coffee. Premiata realtà attiva in Torino con tre diversi locali, da pochissimo Mara dei Boschi ha avviato una nuova avventura nel mondo degli specialty coffe con Ialty.

Torrone Scalenghe

Nel 1954 nasce la Pasticceria Scalenghe. A distanza di più 60 anni e giunti alla terza generazione, per produrre il torrone morbido, Scalenghe impiega sempre il meglio della produzione italiana come la nocciola Tonda Gentile Trilobata, i pistacchi di Bronte o le mandorle di Bari.

Rispondi