Best Plate Challenge WGS, tutti i volti e i nomi della finale italiana

Schermata 2017-10-25 alle 12.08.29

La finale italiana del Best Plate Challenge della World Gourmet Society non è stato soltanto il primo evento italiano della WGS ma il primo evento di livello internazionale ospitato a Firenze. Ecco tutti i protagonisti, dagli chef agli ospiti, dagli sponsor agli invitati

WGS

L’evento del 23 ottobre – la finale italiana del Best Plate Challenge della World Gourmet Society, ospitata al Grand Hotel Cavour – non è stato soltanto il primo evento italiano della WGS ma il primo evento di spessore internazionale ospitato a Firenze. Credo che questa sia l’occasione per ringraziare pubblicamente tutti coloro che, a vario titolo, hanno fatto sì che questa manifestazione sia stata un successo. È l’occasione per mostrare anche le foto della serata, realizzate da Luca Managlia, e per ribadire la nascita imminente del Gourmet Toastmasters Club Florence.

I finalisti internazionali del Best Plate Challenge:

Schermata 2017-10-25 alle 12.07.46

Gabriele Vannucci, viareggino di nascita, pastry chef del Contrada di Castelmonastero (Castelnuovo Berardenga, SI) e maestro pasticciere dell’Ampi. Ha preparato un video, con la regia di Gilberto Bertini, che ha convinto giudici e pubblico.

Schermata 2017-11-03 alle 10.49.13

Simone Cipriani dell’Essenziale (Firenze), si è classificato secondo alla finale italiana con un video – regista Giovanni Rasoti – innovativo e con ritmo, dedicato allo spaghetto ajo, olio e mare.

Schermata 2017-11-03 alle 10.44.34

Michela Bottasso del Biagio Pignatta (Tenuta di Artimino, Carmignano PO), ha invece giocato sulla tipicità territoriale e sulla storicità della sua ricetta, l’anatra all’arancia di Caterina de’ Medici. Non a caso, la villa di Artimino fu riserva di caccia del granduca Ferdinando.

Schermata 2017-11-03 alle 10.48.05

Filippo Saporito della Leggenda dei Frati (Firenze), ha portato al Best Plate Challenge uno dei suoi piatti forti e conquistato la giuria con il gioco di parole sul suo cognome (“Saporito” means tasty….)

Schermata 2017-11-03 alle 10.48.38

Gabriele Andreoni del Gurdulù di Firenze, ha ottenuto l’accesso alla finale internazionale con un video coraggioso, fuori dagli schemi e divertente, impreziosito e valorizzato dall’incalzante musica tratta dal Peer Gynt di Grieg.

Schermata 2017-11-03 alle 11.04.05

Andrea Perini del ristorante Al 588 – Borgo I Vicelli di Bagno a Ripoli, ha puntato sulla sua passione per l’olio Evo per creare un piatto dove pane, pomodoro e l’olio stesso si ritrovano in diverse consistenze.

Gli chef vincitori della finale italiana:

Schermata 2017-11-03 alle 17.28.49

Cristoforo Trapani del ristorante Magnolia dell’hotel Byron, premiato per il piatto più creativo

Schermata 2017-11-03 alle 17.27.05

Andrea Campani dell’Osteria del Borro, premiato per il piatto più tradizionale

image00020

Edoardo Tilli del Podere Belvedere di Pontassieve (Firenze), premiato dalla giuria social

image00009

Daniele Ceccatelli della Buoneria di Firenze, premiato per il video più divertente

Gli altri chef partecipanti alla finale italiana:

Silvia Baracchi (Il Falconiere, Cortona AR)
Federico Bassi (Papill’on, Bologna)
Riccardo Ceccarelli (Il folle alchimista, Città della Pieve)
Stefano Pinciaroli (PS, Cerreto Guidi FI)
Simone Silvani (A Spasso, Longiano)
Giorgio Trovato (presidente FIPPC Professional chef)

Gli sponsor della finale italiana del Best Plate Challenge:

vannucci_2

Vka, la prima Vodka biologica made in Tuscany è prodotta con acqua dell’Appennino toscano, grano e farro biologico locale. “Con la nostra vodka – spiega Luca Pecorini, ideatore del brand (nella foto insieme a Vannucci e Matthias Tesi Baur – stiamo infatti cercando di far emergere una Toscana autentica attraverso due materie altrettanto autentiche”.

cipriani

Giusto Manetti Battiloro, azienda fiorentina nota a livello internazionale per la produzione della foglia d’oro, da qualche tempo ha sviluppato anche un’attenzione per il mondo dell’oro alimentare cercandone una versione accessibile. Nella foto, chef Simone Cipriani con Niccolò Manetti

grosoli

Aceto Balsamico del Duca, una delle aziende più antiche – risale al 1891 – dedite alla produzione dell’aceto balsamico tradizionale di Modena e dell’Igp. Nella foto, la chef Michela Bottasso con la titolare Mariangela Grosoli e Armando Cristofori (WGS).

image00019

Carpigiani Gelato University, l’azienda emiliana leader nelle costruzione di macchinari per la gelateria e alfiere della cultura del gelato di qualità ha premiato – con Michela Iorio a consegnare la pergamena a Gabriele Andreoni – lo chef vincitore con un corso di gelateria.

53c06c9f5d574a378e58b492472be64c

Donne Fittipaldi, da Bolgheri: l’azienda agricola nasce nel 1992 dopo una mirata ristrutturazione che ha portato la tenuta alla sua bellezza originale. Nella foto, la manager Ileana Falcone che consegna il premio allo chef Edoardo Tilli.

7e6f1c0b38334e1f82a3978fc06dda2c

Solochef.it, l’azienda fiorentina produttrice di divise per gli chef ha offerto in premio una divisa personalizzata, che è andata allo chef dell’Osteria del Borro, Andrea Campani, assente alla cerimonia di consegna dei riconoscimenti.

image00006_

Savini Tartufi, uno dei colossi della raccolta e trasformazione dei tartufi di qualità, con base a Forcoli (Pisa) ma diffuso in tutti gli store d’eccellenza italiani: nella foto, Cristiano Savini premia lo chef Filippo Saporito.

image00001_

Dievole, azienda nota per il vino e l’olio Evo, ha da poco sviluppato un wine resort avvolto nella splendida campagna del Chianti Classico, un tempo residenza della nobiltà senese del XVI secolo. La tenuta si estende su un terreno di 600 ettari, immersa tra colline di oliveti, cipressi, vigneti e borghi medievali. Nella foto, Elena Oprea premia Daniele Ceccatelli.

7bf186bfcb974b488e0b676cee545331

Coltelleria Berti, azienda storica di coltelli con base a Scarperia, in Mugello. Fatti a mano, in Toscana. Ogni coltello viene firmato dall’artigiano che lo ha fatto.

Cuzziol Grandivini, distributore di grandi nomi dell’enologia toscana e nazionale, presente al Best Plate Challenge con una selezione di vini – Guado al Melo, Badia a Coltibuono, La Rasina, Tenuta I Cavallini – che andranno allo chef “contumace” (per buona causa…) Cristoforo Trapani.

E in più:

Caffè Pontevecchio
Mugello Sistemi
Calavini
Florence2

Gli ospiti del cocktail della serata del 23 ottobre:

Ecco un gallery fotografica con le immagini del cocktail, nelle foto di Luca Managlia

image00011

image00005

image00016_

image00017_

saporito cipriani andreoni sardi

image00007 image00006 image00004 image00002

 

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

Be first to comment

Rispondi