La gara è aperta, per riuscire a stracciare il primato di 3,442 chili di bistecca alla fiorentina. La singolare competizione è in programma oggi a Mercatale Val di Pesa, frazione di San Casciano (Firenze) con la sfida tra i migliori degustatori di carne chiantigiana

bistecca alla fiorentina

Per il quinto anno di seguito la gara è aperta, e l’obiettivo è soprattutto riuscire a stracciare il primato di 3,442 chili di bistecca alla fiorentina. La singolare competizione è in programma oggi in piazza Vittorio Veneto a Mercatale Val di Pesa, frazione di San Casciano (Firenze) con la sfida tra i migliori degustatori di carne chiantigiana Al Campionato della Bistecca, tra i grandi estimatori della Fiorentina, sarà decretato vincitore il concorrente che riuscirà a ingerire la maggiore quantità di “ciccia” chiantigiana.

bistecca alla fiorentina

Detentore del record della passata edizione è Maurizio Burroni, detto ‘Fragolino’, 50 anni, ex dipendente di un’azienda agricola, che in circa un’ora ha divorato 3,442 Kg di bistecca alla fiorentina. Il peso di ogni bistecca in gara sarà stabilito attraverso antiche stadere, messe a disposizione dagli abitanti. Quanto alla cottura se ne occuperanno i mastri braciaioli, esperti nell’arte della griglia. L’appuntamento – promosso dal Comune di San Casciano e dalla Pro Loco con il contributo di ChiantiBanca – attira a Mercatale maestri braciaioli, chef, macellai e soprattutto insaziabili buone forchette.

bistecca alla fiorentina

Ampio spazio sarà dato alle dimostrazioni di preparazione e cottura della carne a cura dei mastri braciaioli che riveleranno agli aspiranti l’arte e i segreti della cottura sulla griglia. Il momento centrale del campionato alza il sipario sulla gara che vede protagonisti grandi mangiatori di bistecca provenienti da varie parti del Chianti e della Toscana. “La manifestazione – ha spiegato l’assessore cittadino all’associazionismo Roberto Ciappi – è caratterizzata da un’ampia partecipazione della cittadinanza e dalla collaborazione dei macellai, dei commercianti e delle aziende locali”.

Articolo precedenteVino: Capitoni e l’esperimento del Troccolone
Articolo successivoProvati per voi: la Limonaia di Villa Rospigliosi a Prato
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi