Lo chef Marco Stabile (Ora d’Aria) ha preso in gestione la terrazza della gelateria “Dai Dai” a Castiglioncello, e da metà maggio aprirà un locale con cucina di pesce, mixology e dopocena relax

Quando si dice saper trasformare un momento difficile in una nuova sfida: a metà maggio lo chef Marco Stabile aprirà – per il momento solo per la stagione estiva “allungata” – un locale a Castiglioncello (Livorno), nel giardino della gelateria artigianale Dai Dai, con le terrazze ombreggiate dallo storico lecceto arrampicato sulla collina e con vista incantevole sul mare. Due anni di Covid e la perdita della stella Michelin non hanno fiaccato lo spirito dello chef di Pontedera, che anzi sembra aver tratto da un periodo complicato la spinta giusta per una nuova avventura.

chef marco stabile castiglioncello

La cucina sarà aperta a cena con una proposta elegante, rappresentativa sia dallo stile dello chef sia dei prodotti della gelateria Dai Dai, naturalmente in linea con il mercato locale, ossia con una spesa minore rispetto ai prezzi dell’Ora d’Aria: “Sto studiando Castiglioncello per tirare fuori dal cilindro qualcosa di caratteristico del territorio: c’è l’ispirazione del film Il Sorpasso (la celebre pellicola di 60 anni fa di Dino Risi venne girata proprio a Castiglioncello, ndF) ma ci sono anche le numerose erbe aromatiche che crescono nei dintorni. Il mio menù racconterà Castiglioncello, e sarà all’80% una cucina di pesce e verdure.

chef marco stabile castiglioncello

Non è un caso, se Marco Stabile ha deciso di raddoppiare scegliendo proprio la località costiera: “La prima stagione la feci proprio da queste parti, e già l’anno scorso cercavamo un posto al mare dove aprire per la stagione estiva, tuttavia eravamo in ritardo sui tempi e abbiamo deciso di rinviare all’anno successivo. Mi piaceva l’idea di misurarmi su una nuova avventura e cucinare con uno scenario costiero: ho scelto un posto bellissimo, con gente fantastica”.

Se la cucina sarà griffata da Marco Stabile – che durante la settimana resterà a Firenze ma la domenica (giorno di chiusura dell’Ora d’Aria) si sposterà a Castiglioncello – la mixology sarà invece a un bartender originario del territorio che però oggi lavora altrove, un nome che agli addetti ai lavori suonerà familiare. Al momento l’orizzonte temporale è fissato al 30 ottobre, ma non è detto che l’operazione non possa proseguire: “Oggi il locale è all’aperto, e per l’inverno vedremo se riusciremo a ‘chiudere’ la struttura e a tenerla aperta tutto l’anno”.

Ma cosa offrirà il nuovo ristorante di Marco Stabile a Castiglioncello? Oltre alla cena in sé, è prevista la possibilità di un dopocena nel giardino, con salottini dove assaggiare gelati e ascoltare musica rilassante: “Avremo un intrattenimento che andrà dal jazz ai piccoli concerti” conferma lo chef. Il Dai Dai, ex Poggetto, locale mitico dagli anni Sessanta, riaprirà così dopo una serie di stop dovuti sia alla pandemia sia all’alternanza delle gestioni. Perfetto punto di riferimento, dopo una giornata in spiaggia, dall’aperitivo alla cena, fino ad un cocktail serale o uno spuntino di mezzanotte, magari con la caratteristica cassatina Dai Dai (nella foto in alto).

Articolo precedenteNasce “The Fish Butcher”, la norcineria di mare al porto di Anzio
Articolo successivoAria francese nel cuore di Milano: festa per i 150 anni della maison Lillet
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi