Sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dello spreco alimentare, cucinando solo con frutta e verdure di scarto (estetico, non qualitativo): è l’obiettivo della Disco Soupe, progetto culinario/musicale nato a Parigi nel 2012 che sbarca a Firenze il 31 luglio proponendo un nuovo modello di convivialità a tavola
  Disco Soupe

Cucinare a suon di musica, utilizzando però solo prodotti – in primis frutta e verdura – brutti ma buoni. In altre parole, merce che da un punto di vista estetico oggi viene considerata “di scarto” nonostante abbia le stesse qualità organolettiche e nutrizionali di altre più gradevoli alla vista. Sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dello spreco alimentare, cucinando solo con frutta e verdure di scarto è l’obiettivo della Disco Soup (o Disco Soupe, alla francese) progetto culinario/musicale nato a Parigi nel 2012 che sbarca a Firenze domenica 31 luglio proponendo un nuovo modello di convivialità a tavola.

Disco Soupe 2

L’appuntamento è alle 19 presso la Balera del Varlungo, a Firenze Sud (via della Funga, 27/a), dove andrà in scena la versione estiva che a seconda degli alimenti che verrano recuperati potrà diventare una toscana “Disco Panzanella” o un’andalusa “Disco Gazpacho”: il progetto Disco Soupe – in seno al Florence Folks Festival – è presentato in città da “La Scena Muta”, Senza Spreco e Oxfam Italia, in collaborazione con Rete Giovani di Slow Food Firenze. Il progetto invita a organizzare riunioni in cui si cucina solo ed esclusivamente con frutta e verdura di scarto, in un’atmosfera di festa dove la musica è protagonista. Il progetto Disco Souep, ad oggi, si è diffuso in 25 Paesi (tra cui l’Italia) in 4 continenti (Africa, America, Europa e Asia), in particolare grazie alla rete Slow Food Youth Network, voluta appunto da Slow Food.

Disco Soupe 3

Il progetto rappresenta un momento di sensibilizzazione e raccolta fondi per progetti contro la fame nel mondo. La musica sarà affidata al Dj argentino Chancha Via Circuito, sperimentatore di elettronica e musica tradizionale del Sudamerica per la sua unica data in Italia a partire dalle 21:30. L’invito è aperto, oltre che a tutti coloro che vogliono partecipare assaggiando e sostenendo con un’offerta i progetti di Oxfam Italia, anche ai volontari che vogliono partecipare alla preparazione della disco panzanella.

INFO:
https://vimeo.com/70976541
http://discosoupe.org/
lascenamuta@gmail.com

Articolo precedenteTapas a Firenze, i 5 luoghi da non perdere
Articolo successivoProvati per voi: Fulin, a Firenze il Celeste Impero si fa gourmet
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi