Nuovo mese, nuova regione a Eataly Firenze: dopo la Calabria e il Lazio, è il turno della Sicilia con la famiglia Barone della Fattoria delle Torri (Modica), che porta all’Osteria di Sopra il sapore autentico della propria terra, dagli arancini alle sarde a beccafico

fattoria delle torri1- eataly firenze

In principio fu la Calabria, con Zenzero a Serra San Bruno (Vv). Poi venne il Lazio con Cacciani di Frascati (Rm). Adesso tocca alla Sicilia: per tutto il mese di maggio l’Osteria di Sopra – il nuovo ristorante di Eataly Firenze, in via Cavour – ospita la Fattoria delle Torri di Modica, nel ragusano, regno culinario della famiglia Barone. Non ci sarà solo la cucina del ristorante, su cui torneremo presto: se al bar al piano terra  si troveranno sia i cannoli che gli arancini preparati artigianalmente dallo chef Peppe Barone (4 euro l’uno), al primo piano – dalle 18 – verrà proposto un aperitivo in due versioni: una da 15 euro (arancino, parmigiana, sardina croccante, assaggio di salumi e formaggi tipici siciliani, olive dei monti Iblei, pane cunzato ed un calice di brut Murgo) e una da 7 euro (arancino e calice di brut Murgo).

fattoria delle torri6- eataly firenze

In quanto alla cucina della Fattoria delle Torri, quella è nelle mani dell’esperto chef Peppe Barone che esprime la sua Sicilia in un raffinato connubio tra le materie prime del territorio e quelle provenienti da ogni parte del mondo. Imperdibile la parmigiana di melanzane ma anche le sardine a beccafico, il carpaccio ibleo, i cavatelli alla norma e il polpo tostato.Senza dimenticare i dessert, veri baluardi della cultura dolciaria siciliana. “È così – spiega, uomo di cucina che ha insegnato tanto a moltissimi chef – che adeguo le materie prime, sempre di stagione e le ricette di famiglia alle nuove aspettative del pubblico, che ricerca sempre più creatività, gusto, tradizione e innovazione. La mia storia personale e professionale è fatta di impegno, interessi, responsabilità e passione. La mia cucina si nutre di emozioni, ricordi, impressioni così che ogni ricetta, seppure apparentemente semplice, cela una straordinaria complessità e ogni piatto si traduce in una vera alchimia, tra sapori, che senza inutili orpelli, sono sempre riconoscibili nella loro originalità”.

fattoria delle torri2- eataly firenze

Il calendario di Eataly Firenze

Il calendario di maggio per Eataly Firenze e la Fattoria delle Torri è ricco di appuntamenti che variano dall’intrattenimento alla formazione. La struttura è aperta tutti i giorni dalle 7.30 (bar e panetteria) alle 22.30 e il venerdì e il sabato fino alle 23. Ecco il dettaglio:

Venerdì 6 dalle ore 18 (Osteria di Sopra – primo piano)
APERITIVO DIDATTICO con Andrea Gori, “Il Vino per la pasta con le sarde”: tre assaggi di vino in abbinamento a un piatto tipico siciliano (costo dell’evento 15 euro).
Sabato 7 e Domenica 8 (in Piazza Eataly)
FESTA DEL VINO con arancini e cannoli preparati al momento (4 euro/pz)
IMG_3016
Domenica 8 dalle ore 17 (in Piazza Eataly)
SHOW COOKING gratuito dedicato a “ARANCINA E CANNOLO RE E REGINA DELLO STREET SICILIANO”
Giovedì 12 dalle ore 20 (Osteria di Sopra – primo piano)
CENA, COUS COUS TERRAMARE – special guest Marilù Terrasi, madrina del cous cous alla siciliana e patron del ristorante Pocho di San Vito Lo Capo. A fine serata è prevista una suonata di luganetto. (costo della cena 40 euro con abbinamento di 4 calici di vino siciliano).
Venerdì 13 dalle ore 18 (Osteria di Sopra – primo piano)
APERITIVO DIDATTICO con Andrea Gori “Il Vino per la zuppa di fagioli e cozze”: tre assaggi di vino in abbinamento a un piatto tipico siciliano (costo dell’evento 15 euro).
Sabato 14 dalle ore 17 (primo piano, in didattica)
DIDATTICA, “Come si fanno arancino e cannolo… Quelli veri!” (costo evento 15 euro)
Domenica 15 alle ore 17 (in piazza Eataly)
SHOW COOKING gratuito: “Ravioli di ricotta e cavati alla norma”
Venerdì 20 dalle ore 18 (Osteria di Sopra – primo piano)
APERITIVO DIDATTICO con Andrea Gori “Il Vino per la parmigiana”: tre assaggi di vino in abbinamento a un piatto tipico siciliano (costo dell’evento 15 euro).
Sabato 21 dalle ore 17 (aula didattica)
DIDATTICA, “La cucina siciliana tra tradizione e innovazione con lo Chef Peppe Barone”. I partecipanti prepareranno insieme allo chef un menù tipico siciliano, che a fine corso potranno degustare (costo lezione 40 euro).
Sabato 21 e domenica 22 dalle ore 17 A tutta birra (Osteria di Sopra – primo piano)
Due giornate dedicate allo street food siciliano in abbinamento alla birra artigianale siciliana (costo e15 euro + cannolo  siciliano 20 euro).
Venerdì 27 dalle ore 17 (Osteria di sopra – primo piano)
APERITIVO DIDATTICO con Andrea Gori “Il Vino per lo spaghetto alla bottarga”: tre assaggi di vino in abbinamento a un piatto tipico siciliano (costo dell’evento 15 euro).
Sabato 28 e domenica 29 piatti fuori menu (Osteria di Sopra – primo piano)
Lo chef Peppe Barone dedica le due giornate al crudo all’italiana (di pesce e crostacei), accompagnato da un calice di brut Murgo (costo 30 euro con cannolo tipico siciliano, 25 senza).
Lunedì 30 dalle ore 20 (Osteria di Sopra – primo piano)
CENA A TEMA: FISH & BEER, il pesce azzurro in degustazione con la birra artigianale di Sicilia (costo cena 40 euro in abbinamento due birre artigianali siciliane).
Articolo precedenteIl racconto: così ho cenato in un ristorante fuori dal tempo e dallo spazio
Articolo successivoLa vera pizza napoletana in tour, dagli Appennini alle…. Langhe
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi