Due casertani doc a confronto: lo chef Alessandro Cozzolino (Villa San Michele) ospita a Fiesole il guru della pizza Franco Pepe. Appuntamento il 4 luglio, poi di nuovo a settembre

Non è solo una serata a quattro mano: quella che si terrà il 4 luglio a Villa San Michele sulle colline di Fiesole è un incontro di eccellenze made in Naples, frutto dell’amicizia tra il maestro della pizza Franco Pepe e Alessandro Cozzolino, executive chef dell’hotel del gruppo Belmond. Il primo appuntamento è previsto per lunedì 4 Luglio, mentre il secondo avrà luogo nella seconda parte della stagione, a settembre.

franco pepe alessandro cozzolino

L’occasione di assaggiare pizze iconiche come la “Margherita sbagliata” di Franco Pepe è l’inaugurazione del nuovo ristorante pizzeria a bordo piscina con vista su Firenze e sulla campagna toscana. Entrambi di Caserta e dintorni, i due sveleranno un’alchimia di sapori che ha le stesse radici: Franco Pepe rappresenta infatti la terza generazione di una famiglia di panificatori di Caiazzo (Caserta) e ha saputo sperimentare trovando una sua via che ha rivoluzionato la tradizione con rispetto e passione, mentre Alessandro Cozzolino è approdato in Toscana nel 2019 dopo una lunga esperienza internazionale, combinando uno spiccato gusto personale e grandi capacità tecniche nel ristorante gourmet La Loggia.

franco pepe

“Il confronto – racconta Franco Pepe – è un po’ l’essenza del mio percorso. Come pizzaiolo sono sempre andato alla ricerca di un confronto con l’alta cucina, ricevendo indicazioni importanti sulla trasformazione delle materie prime, come fossero dei corsi di perfezionamento. Sono quindi molto contento di condividere il mio impasto con chef Cozzolino, stimolando la sua creatività e permettendogli di veicolare i suoi sapori attraverso di esso”.

E così, per due sere Alessandro e Franco firmeranno un menù degustazione di pizze d’autore invitando gli ospiti di Villa San Michele ad un vero e proprio viaggio nel gusto, a 65 euro/persona: si parte con due entrées, due pizze con topping di Cozzolino che richiamano i piatti del ristorante La Loggia, e tre pizze signature che hanno caratterizzato il successo di Franco Pepe, realizzate con prodotti del territorio campano.

franco pepe margherita sbagliata

Si tratta della Margherita Sbagliata (Mozzarella di bufala campana DOP, passata di pomodoro riccio a crudo, riduzione di basilico, olio EVO), la Ritrovata (Passata di pomodoro San Marzano DOP, piennolo del Vesuvio DOP, capperi disidratati, polvere di olive nere caiazzane, filetti di alici di Cetara, olio agliato, basilico fritto) e la Scarpetta (Mozzarella di bufala campana DOP, fonduta di Grana Padano DOP 12 mesi, composta di tre pomodori a crudo, pesto di basilico liofilizzato, scaglie di Grana Padano DOP 24 mesi).

villa san michele fiesole

A conclusione della serata, i due protagonisti delizieranno gli ospiti con due dolci a sorpresa dal proprio repertorio gastronomico. Per prenotazioni, concierge.vsm@belmond.com o tel. 055 5678200

Articolo precedenteNon solo olio: dall’azienda Olearia del Chianti nasce la birra artigianale Olivia
Articolo successivoChef in cava 2022, tutte le immagini della Festa di Sole a Roselle (Gr)
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi