Firenze si prepara a riabbracciare uno dei suoi migliori interpreti in ambito culinario: il ristorante stellato Ora d’Aria dello chef Marco Stabile riapre, a cena, all’insegna di un rinnovamento tout court

chef Marco Stabile

Riapre i cancelli l’Ora d’Aria: il ristorante stellato di Marco Stabile in via dei Georgofili, fermo da inizio pandemia, torna ad accogliere fiorentini e turisti dopo un restyling che – vista la posizione geografica, il riferimento e d’obbligo – ha tutto il sapore di un “rinascimento”. Una rinascita non solo negli ambienti, rinnovati per l’occasione, ma anche nel menù che è insieme omaggio al passato e sguardo verso il futuro. Per l’occasione, domenica 19 settembre (dalle 17:30 alle 20) Ora d’Aria parteciperà – insieme a ‘Ino, la panineria gourmet di Alessandro Frassica, e all’Hotel degli Orafi – all’open day per riavvicinare i fiorentini al centro città.

chef Marco Stabile

Da marzo 2020 a settembre 2021 molte cose sono cambiate, anche per lo chef pontederese. “Ho imparato a preparare piatti da asporto – spiega, ricordando che molte persone dello staff hanno cambiato lavoro – e tirato fuori dal cassetto vecchie ricette, trasformandole per nuovi usi”. E per l’inizio di questa nuova avventura, ha deciso di trasformarsi, quasi a testimoniare un’evoluzione, un momento spartiacque della sua vita da cuoco. Non a caso, dopo 16 anni insieme all’imprenditore pratese Luca Bellandi, da adesso è l’unico titolare del ristorante.

Ispirandosi al patrimonio inimitabile di Firenze, Marco Stabile ha chiesto a Gianluca Biscalchin – illustratore milanese, di origini fiorentine – di realizzare un’opera d’arte, pensata e realizzata appositamente per la volta della sala di Ora d’Aria. “L’affresco realizzato per l’Ora d’Aria – racconta Biscalchin – ha una doppia ispirazione: la cucina di Marco Stabile e i vicinissimi Uffizi. Ho citato con tutta l’ironia possibile le grottesche che decorano i soffitti di uno dei musei più famosi del mondo. Qui ho inserito il mondo gastronomico di Marco con i suoi quattro regni: pesce, carne, vegetali e paste. Abbiamo poi pensato di inserire nel disegno in bianco e nero l’oro zecchino della storica ditta Manetti Battiloro, a Firenze dal 1500. In pratica, una sintesi delle eccellenze fiorentine: cucina, arte e artigianato”.

Ma come cambierà la cucina di Marco Stabile all’Ora d’Aria? In attesa di provarla e raccontarla, ecco alcune anticipazioni: Il nuovo menù sarà suddiviso in 3 percorsi (il passato, il presente e il futuro) tanto diversi quanto simili ed interconnessi tra loro: due in degustazione e uno alla carta. Le radici da cui proviene e i luoghi a cui è legato sono evidenti in piatti iconici come la Ultrapappa al pomodoro con gelato al basilico (2012, foto in alto), il Maialino morbido croccante con cime di rapa, aglio e lavanda (2006), foto in basso, o anche l’Uovo, le uova e la gallina (2010).

Il futuro immaginato è un approdo a piatti più vegetali, vedi il Risotto, il bosco o la Ribollita a fette, oltre che un rimando al passato con una ricetta di Caterina de’ Medici: le Pezzole della nonna, fumo, cipolla, erbe e ricotta.

chef Marco Stabile

Infine, ad animare Marco Stabile sarà la voglia di coccolare gli ospiti: “Ai tavoli di Ora d’Aria le coccole saranno tantissime. Ho voglia di divertire e di divertirmi di nuovo ai fornelli, desidero accogliere i miei ospiti e farli sentire parte di qualcosa di unico, un luogo dove arte, cibo e vino si fondono: il bello intorno, l’arte che avvolge e il buono dei piatti. L’intento – conclude – è di trovare la (mia) nuova e personale cucina toscana, che diventi poi una strada da seguire e da imitare per chi si vuole avvicinare ai sapori ed ai profumi di questi meravigliosi territori”.

Articolo precedenteItalian Chef Charity Night 2021, tutte le foto della serata al Forte Belvedere
Articolo successivoFirenze, il Locale affida la cucina allo chef globetrotter Simone Caponnetto
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi