Sta per aprire a Firenze, in piazza della Signoria, il cocktail bar “Gucci Giardino 25” a servizio della Gucci Osteria. Dietro il bancone, la barlady Martina Bonci

La notizia era nell’aria da un po’, i rumors si sono succeduti per qualche mese, e adesso dovremmo essere alla dirittura finale: sta per aprire i battenti in piazza della Signoria, nel cuore del centro storico di Firenze, il caffè e cocktail bar del ristorante stellato “Gucci Osteria”. Si chiama “Gucci Giardino 25” e dietro il bancone avrà una delle barlady più affermate della città, la giovane Martina Bonci. L’apertura effettiva avverrà nelle prossime settimane.

ristorante

Con l’apertura di “Gucci Giardino 25” si completa l’offerta gastronomica iniziata nel 2018 e realizzata grazie a una liaison tra il brand di moda guidato da Marco Bizzarri e lo chef Massimo Bottura che già aveva portato alla creazione di Gucci Osteria, curato dalla chef messicana Karime Lopez. Perché proprio “25”? E’ presto detto: si tratta del numero portafortuna di Alessandro Michele, il direttore creativo di Gucci, talvolta presente anche in altre sue creazioni.

L’ispirazione per il nuovo caffè e cocktail bar griffato Gucci arriva dal negozio di fiori che una volta occupava il locale. Ecco quindi un pavimento in parquet a intarsi, color senape nel banco bar e pelle blu pavone per i grandi divani, per un’ambientazione da bistrot raffinato che riprende nell’atmosfera e nei colori alcuni dettagli della Gucci Osteria. L’apertura era prevista già da un po’, ma il Covid ha portato ad un allungamento dei tempi.

@ph. Beverfood

Con 16 posti a sedere all’interno e spazi esterni a supporto (condivisi con la Gucci Osteria), il “Gucci Giardino 25” sarà aperto tutto il giorno dalle 8 all’una di notte – offrendo un servizio dalla colazione all’after dinner, la cui parte gastronomica seguirà l’impostazione data da Massimo Bottura al ristorante – e a guidarlo sarà Martina Bonci, un passato da giocatrice di pallavolo e un presente nel mondo della miscelazione, prima a Gesto e poi alla Beppa Fioraia, fino al premio ricevuto nel corso dell’ultima Florence Cocktail Week.

Articolo precedenteVenezia, alla guida dell’Hilton Molino Stucky arriva Massimiliano Perversi
Articolo successivoNuova cucina e nuovi ambienti: così cambia il Pepenero di Prato
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi