Per il secondo anno di fila l’associazione nomina lo chef Andrea Perini del ristorante di Bagno a Ripoli come il più vocato all’uso dell’extravergine d’oliva nel menù. Premio Airo 2020 anche per Emanuele Natalizio e Davide Fiorentini

Lo chef Andrea Perini e il ristorante Al588 fanno il bis: per il secondo anno di fila l’Airo (l’Associazione che riunisce i ristoranti dell’Olio) ha premiato lo chef del ristorante di Borgo I Vicelli, a Bagno a Ripoli, come miglior per l’utilizzo dell’olio extravergine d’oliva. Presieduto da Filippo Falugiani, il premio Airo 2020 è stato assegnato ieri al Four Seasons Hotel di Firenze durante una cena benefica a sostegno della Fondazione Veronesi.  Le categorie premiate sono “Ristoranti dell’olio”, “Selezione AIRO” e “Assaggiatori di olio”.

Lo chef del ristorante di Borgo I Vicelli è stato selezionato grazie alla rigorosa e particolare attenzione negli abbinamenti tra i piatti e gli oli Evo. Non a caso, nella cucina di Al588 ogni portata del menu viene pensata e realizzata in base all’abbinamento alla cultivar più indicata. Il ristorante è uno dei pochi in Italia ad avere una carta degli oli che conta circa 90 referenze e un carrello ad hoc con una decina di etichette, in modo da consentire ai commensali di scegliere su alcuni piatti il condimento preferito.

premio Airo 2020

“Siamo onorati di ricevere il premio Airo 2020 – spiegano Andrea Perini e Giulia Franco, titolare di Borgo I Vicelli – e siamo felici che vengano riconosciute le eccellenze del nostro territorio. Crediamo che l’olio Evo possa rappresentare un valore aggiunto per ogni piatto, ed è questa convinzione che ci sprona a far sempre meglio”.

premio Airo 2020

Se il riconoscimento come miglior chef è andato per il secondo anno di fila ad Andrea Perini – che ha anche firmato uno dei piatti della serata – gli altri vincitori del premio Airo 2020 sono stati il “Petrarca “di Bitonto e allo chef Emanuele Natalizio (Ristorante dell’olio 2020) e a “O’ Fiore mio” di Faenza con il pizzaiolo Davide Fiorentini (Pizzeria dell’olio 2020), qui nelle foto di Luca Managlia. Nell’occasione è stato assegnato anche un premio speciale (Ristorante nutraceutico) a Pietro Leemann di “Joia” a Milano, voluto dalla Fondazione Veronesi, per il ristorante maggiormente attento agli aspetti salutistici dei menu.

premio Airo 2020

Sono stati inoltre assegnati inoltre i premi della selezione Airo: Fonte di Foiano “Gran Cru”, Castel Ruggero “Ruggente”; Madonna Dell’Olio “Itran’s”; Oro di Rufolo “Coratina” e Titone “Blend Bio”. Gli olio che invece sono stati premiati dal panel sono Tondo Iblea “Cinque Colli” (categoria Aromatico); Fattoria Ambrosio “Riserva” (categoria Elegante); Giove “Depalo” (categoria complesso); L’Olinto Frantoio DOP “Chianti Classico Bio” della Soc. Agr. Podere Grassi (categoria DOP); Don Peppino IGP Sicilia dell’Az. Agr. Sikulus (categoria IGP), Frantoio Grevepesa “Blend” (categoria BIO). Premiati anche i migliori assaggiatori: Angelica Corrado (professionisti) e Filippo Ianiro (dilettanti).

Rispondi