In scena da domani a lunedì 13 giugno Radici del Sudil festival dedicato al vino autoctono meridionale. L’ultima giornata, aperta al pubblico, sarà una festa con 420 vini in libera degustazione insieme alla cucina dei migliori osti e chef del sud Italia

12140758_1078599695529902_4440535085690286353_n

Sono 184 le aziende di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia pronte a partecipare con oltre 420 diverse etichette a Radici del Sud 2016, in scena a Bari da martedì 7 fino a lunedì 13 giugno.La ricca adesione, anche quest’anno, conferma la piena fiducia da parte delle cantine all’evento di marketing e promozione che, negli ultimi 10 anni, ha dato un prezioso  contributo al comparto dei vini da vitigno autoctono del meridione.

4_radicidelsud_ ph Manuela Laiacona

Nuovo l’assetto della giuria: invece di essere divisi in gruppi diversi – quello estero e quello nazionale – tutti i giornalisti degusteranno insieme i vini in concorso nella stessa giuria. L’altra sarà invece composta dalla compagine dei compratori e degli importatori, anche in questo caso sia italiani che stranieri provenienti da 13 paesi esteri (Svezia, Finlandia, Norvegia, Danimarca, Gran Bretagna, Olanda, USA, Canada, Giappone, Lituania, India, Polonia e Brasile). Per arricchire la già cospicua selezione dei vini, per la prima volta Radici del Sud accoglierà in concorso, anche gli spumanti ottenuti da uve autoctone, con metodo charmat o classico, suddivisi in bianchi, rosé e rossi. Radici Del Sud 2016 contempla una serie di attività che si svilupperanno nell’arco di più giornate, alcune dedicate agli incontri BtoB (8-10 giugno) fra i buyer e gli esperti esteri con i produttori di vino, altre dedicate alla conoscenza delle realtà produttive del meridione attraverso la visita diretta delle cantine da parte della stampa estera.

2_radicidelsud_ ph Manuela Laiacona

Il 13 giugno sarà la giornata dedicata al pubblico enoappassionato.  Dalle 10 fino alle 20, presso l’Una Hotel Regina di Bari, circa 150 aziende di vino accoglieranno il pubblico italiano e straniero. Ivisitatori potranno così, presso i banchi d’assaggio, conoscere le diverse produzioni delle cantine e dialogare direttamente con il produttore informandosi sulle peculiarità delle etichette. Inoltre, ci saranno anche gli stand di piccoli produttori locali di salumi e formaggi e i giovani chef dell’Istituto Eccelsa che durante la prima parte del Salone proporranno piatti a i visitatori. Infine a partire dalle 20.30, inizierà la grande festa dedicata ai 420 vini in libera degustazione insieme alla cucina dei migliori osti e chef del sud Italia.

Informazioni:
+39.346.4076012
radicidelsud@gmail.com

Previous articleFlorence Wine Event: in arrivo anche Vermentino, Ribolla gialla e Nebbiolo
Next articleEatPrato, il 17-19 giugno le eccellenze di Prato & provincia
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.