Matteo Donati è lo chef-patron dell’omonimo ristorante a Castiglione della Pescaia, cui ha affiancato una gastronomia ad hoc, sempre all’insegna della passione per la Maremma

Al Ristorante Donati, biglietto da visita dello storico Hotel Tirreno di Castiglione della Pescaia (Grosseto), lo chef-patron Matteo Donati rielabora la tradizione della cucina marinara senza stravolgimenti ma semplicemente esaltandone le caratteristiche grazie all’eccellenza degli ingredienti ed una fantasia non banale.

chef Matteo Donati

Nato e cresciuto a Castiglione della Pescaia, dopo la Scuola Alberghiera Matteo ha trascorso una decina di anni ad apprendere l’arte del cucinare sotto l’attenta guida dei più grandi chef italiani e internazionali, fino ad approdare nel 2004 alla corte del celebre Alain Ducasse.  Dopo un anno mezzo vissuto a Parigi accanto allo chef francese, sei mesi nella cucina dell’Andana di Castiglione della Pescaia ed altre importanti esperienze, Matteo torna alle sue origini, alla guida del suo omonimo ristorante.

La sala,  con i suoi sessanta posti (oggi purtroppo ridotti per le ferree regole imposte dal Covid 19), si presenta come un elegante open space ampio ed accogliente, caratterizzato da dettagli raffinati che contribuiscono a creare un’atmosfera moderna e suggestiva, grazie anche ad alcune significative fotografie alle pareti della Maremma e di altre località.

Dalla cucina, visibile attraverso una vetrata direttamente dalla sala, escono piatti espressione di una continua ricerca della perfezione gastronomica a base ingredienti genuini e sempre freschi, scelti con cura dallo stesso chef, come i classici Spaghetti alle vongole (in alto) e il Pescato del giorno all’isolana.

A completare la piacevole sosta al Ristorante Donati, una curata carta dei vini con giusta predominanza della cantine della Maremma ed un personale in sala sempre cortese e attento ad ogni particolare, in grado di offrire un servizio puntuale e completo. Annessa al ristorante vi è dal 2011 la Gastronomia Donati, che propone deliziosi proposte espresse, soprattutto a base di pesce, da gustare o nell’apposita veranda o tra le familiari mura domestiche.

“La mia maremma – spiega lo chef Matteo Donati – è un’amante selvaggia che ti fa disperare e amare; è una terra fertile dai molteplici microclimi; è un odore di malaria di verde di mare e di libertà; è una storia di cacciatori principi briganti , di cowboy e di braccianti…”.

Articolo precedenteMaria Rosa e le altre: le birre ispirate alle donne del ‘Ragazzo di Campagna’
Articolo successivoNon solo vitello tonnato, brasati e bolliti: la capitale vegana d’Italia è Torino
Claudio Zeni
Laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali e nazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli, il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il premio ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson' ed ultimo (2019) il Premio Giornalistico Città di Cherasco. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Rispondi