World Gourmet Society, ad Artimino i 5 chef finalisti per una cena a 10 mani

da sx gli chef Andreoni, Vannucci, Bottasso, Perini, Saporito

Una cena a 10 mani per celebrare il successo degli chef toscani al “Best Plate Challenge” organizzato dalla World Gourmet Society. A novembre in 6 arrivarono alla finale mondiale a Montecarlo – con il pastry chef viareggino Gabriele Vannucci che ottenne la vittoria – e lunedì 19 marzo si ritrovato ad Artimino per lanciare l’edizione 2018

da sx gli chef Andreoni, Vannucci, Bottasso, Perini, Saporito

Una cena a 10 mani per celebrare il successo degli chef toscani al “Best Plate Challenge” organizzato dalla World Gourmet Society. Lo scorso novembre ben sei cuochi arrivarono alla finale mondiale a Montecarlo – con il pastry chef viareggino Gabriele Vannucci che ottenne la vittoria – e adesso si ritrovato alla Tenuta di Artimino per festeggiare e lanciare l’edizione 2018 della competizione.

L’appuntamento è per lunedì 19 marzo, a partire dalle 20 alla Villa “La Ferdinanda” della tenuta medicea, dove si ritroveranno l’executive chef padrona di casa Michela Bottasso e gli chef Gabriele Andreoni (Gurdulù), Andrea Perini (Al 588), Filippo Saporito (La leggenda dei frati) e Gabriele Vannucci, ognuno dei quali preparerà un piatto. Per l’occasione, il pastry chef vincitore riproporrà la “Foresta Nera” (qui) con cui ha trionfato a Montecarlo. Alla cena parteciperà anche Armando Cristofori, ambasciatore globale della World Gourmet Society, che illustrerà l’edizione 2018 della competizione.

Nel dettaglio, Michela Bottasso curerà l’antipasto (tartare di Fassona piemontese al Balsamico del Duca, maionese alla salvia, crema di rafano e salsa romesco), Filippo Saporito il primo (Risotto con topinambour, scalogni e limone) così come Andrea Perini (Tortellini ripieni di fagiano, con brodo di thè, verdurine croccanti e olio Dievole), mentre Gabriele Andreoni penserà al secondo (Fiore amaro). A concludere, il pastry chef Gabriele Vannucci presenterà la sua Foresta Nera.

villa_media

La cena sarà preceduta da un aperitivo alla villa medicea di Artimino, e dalla proiezione del cortometraggio “Road to Montecarlo” di Gilberto Bertini e Alessandro Fino, che racconta il viaggio di alcuni degli chef finalisti da Firenze al principato di Monaco. La serata vedrà inoltre la presenza di alcuni degli sponsor che nel 2017 hanno seguito il concorso, dalla vodka VKA a Carpigiani, da Dievole a Solochef.it, da Savini all’Aceto balsamico del Duca.

Ingresso: 60 euro/persona
Prenotazioni a eventi@artimino.com

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.