Nuovo episodio della rubrica curata da Lorenzo Borgianni, in arte Il Gingegnere, e dedicata al mondo del Gin: oggi scopriamo “Gin Zanéibe” di Moi Lànt

Quattri amici innamorati profondamente della Lessinia (zona geografica delle Prealpi venete, situata a nord- est di Verona), hanno voluto rendere omaggio a questa terra creando un Gin che la racconti in ogni sua sfumatura e tradizione, partendo dal nome per
finire alla scelta delle botaniche che lo compongono: ecco, dunque, “Gin Zanéibe”.

Questo Gin è prodotto artigianalmente con 13 erbe officinali che crescono spontaneamente in Lessinia. 13 come i comuni da cui in origine era composto questo territorio (il packaging in cui è incartata la bottiglia rappresenta una antica cartina
della Lessinia). Il territorio era abitato dai Cimbri, un popolo di origine germanica, la lingua parlata era il Tauc, tramandata poi di generazione in generazione fino ai giorni nostri. Proprio dal Tauc (chiamato anche Cimbro) vengono i nomi “Moi Lànt (nome del brand) e
“Zanéibe” (nome del Gin) che significano rispettivamente “mia terra” e ”ginepro”. Sull’etichetta della bottiglia è rappresentato un lupo, animale simbolo di queste terre, che domina il “sengio dell’arco”, la pietra più imponente di queste valli.

Oltre ovviamente allo straordinario aroma del ginepro, questo gin è reso unico e inconfondibile dalla rosa canina, che lo caratterizza fortemente rendendolo molto aromatico e profondo al naso. In bocca invece risulta molto complesso ed estremamente piacevole, con il ginepro che domina all’inizio, per poi cedere il passo alle note aromatiche
della rosa canina e di altre erbe come la verbena, la melissa e la camomilla. Il finale è lungo, persistente e ricco di sfumature che non stancano mai. Perfetto a mio avviso nel “Gin Tonic” con una tonica premium Indian, ma l’ho apprezzato molto anche liscio bevuto come  digestivo.

Ecco, dunque, una ricetta per apprezzarlo in miscelazione:

MOI LÀNT G&T
Gin: ZANÉIBE by @moilantgin
Tonica: @fevertreemixers Premium Indian
My Perfect Serve: scorza di limone e bacche di ginepro

Rispondi