Juniperi Milano presenta G GIN, un gin distillato botanico, frutto dell’esperienza di una distilleria artigianale di gin tutta “Made in Italy”. Disponibile nel formato da 70 cl, sarà distribuito nei cocktail bar e grand hotel italiani, più locali selezionati in Europa

G GIN è un prodotto unico e ricercato, con botaniche esclusive tipiche del territorio lombardo, patria dell’aperitivo e della night life Made in Italy.

G GIN è una novità che soddisfa sia i palati femminili che maschili: sensuale e glamour da assaporare da soli o in (dolce) compagnia.
Tra le botaniche presenti, il sambuco e il tiglio che regalano sensazioni ispirate alla regione (Lombardia) capaci di raccontare un territorio caratteristico apprezzato in tutto il mondo.
Un tocco di ironia e un allure unico è donato dalle bacche di pepe di SIchuan e dal coriandolo che rendono G GIN un distillato unico e perfetto per la Mixology contemporanea come il melting pot della metropoli del mondo.

Juniperi Milano

 G GIN si presenta con un pack pulito e lineare, per esaltare le note sinuose del liberty italiano e l’eleganza di un gin fluido, perfetto per tutti i palati, che punta al Glamour, al Gioco e al Godimento di uno dei distillati più amati al mondo.

Un’etichetta di un nero profondo avvolge una “G” carica di significati nascosti, che si rifanno all’art nouveau della Palazzina Liberty di Porta Venezia in centro a MIlano, punto nevralgico della nightlife cittadina, tra i simboli architettonici della città.

Colore cristallino e con una gradazione alcolica di 42% vol., G GIN è perfetto per allietare il gusto di un consumatore sempre più alla ricerca di qualcosa di nuovo.

Il prodotto è frutto della dedizione e dell’esperienza di tre generazioni di maestri distillatori che, dal 1969, seguono con rigore e passione il metodo “distillato botanico”: processo artigianale che prevede la distillazione dei soli estratti naturali, senza aggiunta di aromi.

G GIN si caratterizza per la presenza di dieci botaniche – ginepro, coriandolo, camomilla, lavanda, lichene islandico, mandarino, sambuco, tiglio, salvia e pepe di Sichuan – e presenta all’olfatto un bouquet ricco, equilibrato ed evocativo, dove emerge la nota pungente del pepe di Sichuan e il sentore vellutato del lichene islandico.

Grazie al suo gusto secco, dal retrogusto morbido, con note floreali gradevoli e persistenti di tiglio, lichene islandico, pepe di Sichuan  e coriandolo, è un gin versatile, ideale in miscelazione, ma sorprendente anche alla bevuta liscia.

#guiltypleasure #ggin

Juniperi Milano

  1. G.TONIC

 4 cl di G GIN

  • 10 cl di acqua tonica
  • Bacche di ginepro e pepe di Sichuan
  • Zest di mandarino e pompelmo

HU.G.O

  • 10 cl di Prosecco ·
  • 2 cl di G GIN
  • 2 cl di sciroppo di sambuco
  • 2 cl soda
  • 2-3 foglie di Menta
  • fetta di limone

NE.G.RONI

  • 3 cl di G GIN
  • 3 cl di bitter
  • 3 cl di sweet vermouth
  • fetta di arancia

JUNIPERI MILANO
Scopri di più su www.g-gin.it
hello@juniperi.it

Articolo precedenteBitonto: il Galà dell’Olio assegna la Foglia d’Olio 2022 a 5 frantoi “top”
Articolo successivoDaniele Bartocci, il talento che ha conquistato i Food & Travel Awards 2022
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Rispondi