Una strategia “Ali-mentale” per nutrire la mente e raggiungere l’eccellenza: è il libro “Ali-Mental strategy” della nutrizionista fiorentina Valentina Guttadauro, scritto insieme allo chef Marco Stabile e al terapista Matteo Sinatti

ALIMENTAL STRATEGY

Un libro innovativo e fuori dai classici schemi grazie all’incontro e alla fusione di tre specialisti, che ribaltano la loro classica identità professionale in una combinazione che li porta a convergere verso un unico scopo: migliorare la perfomance giornaliera, qualunque essa sia. É il libro “Ali-Mental strategy” della nutrizionista fiorentina Valentina Guttadauro, scritto insieme allo chef Marco Stabile e al terapista Matteo Sinatti.

Una nutrizionista che non parla più di calorie e dimagrimento, ma punta l’attenzione sul giusto carburante per il cervello. Un terapista-ipnotista che non parla più di disagio, ma di resilienza e di risorse interiori, dalle quali fare emergere l’energia per il cervello. Uno chef che non si occupa solo di preparare piatti gustosi, ma di ottenere il giusto equilibrio in una combinazione alimentare funzionale al nostro cervello.

Schermata 2016-06-20 alle 16.34.31

“Ali-Mental Strategy” nasce con lo scopo di aiutare il lettore a diventare consapevoli che il successo e la motivazione si possono raggiungere attraverso strategie mentali e nutrizionali. Nel nostro piatto possiamo iniziare ad utilizzare i “food brain” come le cipolle, gli spinaci e l’avena, ovvero cibi che aiutano la nostra mente ad avere la giusta energia, a mantenere una buona concentrazione, a migliorare la nostra memoria. Quindi a tavola possiamo allenarla per renderla lucida e pronta anche nei momenti di intenso stress psico-fisico.

retrocopetina Ali-mental

In questo libro lo chef Marco Stabile ha elaborato delle pietanz, con gli alimenti indicati dalla nutrizionista Valentina Guttadauro, dando vita a svariate ricette che possono regalarci buon umore, oppure nutrire il cervello oppure combattere la pesantezza dello stress. E grazie alle strategie mentali del terapista Matteo Sinatti possiamo apprendere tecniche che permetteranno di modificare il nostro stato d’animo e iniziare un percorso di cambiamento del nostro stile di vita e delle nostre abitudini alimentari, in modo che questi “cibi intelligenti “ possano entrare nella nostra cucina, rendendo le nostre giornate anche più felici.

Previous articleQuisitapas Firenze: il tapas bar del Westin Excelsior convince a metà
Next articleRistorante Vivo, la “terza via” del pesce a Firenze
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.