Lievitamente, nel cuore di Viareggio, non è solo un panificio artigianale, ma è la storia di una passione travolgente capace di cambiare la vita. Da geometra a esperto di arte bianca, Daniel Lunardi racconta l’avventura del suo pane e del forno pluripremiato

La genesi

Panificatori non si nasce, si diventa. Lo sa bene Daniel Lunardi che ha deciso di dedicarsi all’arte bianca per scelta, dopo aver abbandonato il posto fisso da geometra. Il suo spiccato interesse per i lievitati e per le materie prime di qualità, unito ad un’esigenza alimentare lo hanno spinto nel tempo ad accrescere la sua passione per la panificazione: «Facevo nel tempo libero il ciclista, quindi assumevo quantità significative di carboidrati ma purtroppo avevo difficoltà nella digestione». Ecco che inizia a studiare, frequentare corsi e impastare con competenza. Nel 2015 scatta la scintilla che lo porta al suo cambio vita e all’apertura di Lievitamente nel cuore di Viareggio, in corso Garibaldi 142.

Il forno

Un luogo piccolo, ma carico di gusto nel design e nelle prelibatezze. L’estetica della location è curata nei suoi dettagli, con un bancone animato da proposte sia dolci che salate. Lievitamente è una panetteria artigianale nata per essere accogliente durante tutta la giornata: dalla colazione alla merenda, che si possono gustare anche all’aperto nel luminoso dehors.

Dolce un po’ salato

La varietà e la molteplicità dei prodotti che vengono quotidianamente sfornati, rendono il format di Davide polifunzionale. Il pane viene preparato a mano in modo artigianale con l’antica tecnica della lievitazione naturale con pasta madre. Le farine vengono rifornite da un Molino Angeli di Pietrasanta, testimoniando un’attenzione per i prodotti locali. «Il prodotto che più mi rappresenta è il Pane ai Grani Antichi Toscani Bio. La mia versione è senza sale e ottenuta con farine biologiche di tipo 1 autoctone, che gli conferiscono quella crosta spessa e croccante tipica dei pani cotti nei forni a legna dei cascinali di una volta» ha spigato il mastro panificatore. La pizza ha un impasto ad altissima digeribilità, segno di uno studio attento delle tecniche di lavorazione. Le farciture sono attentamente selezionate e spaziano da verdure freschissime di stagione a condimenti gourmet.

Dolci, torte e biscotti assortiti accontentano ogni gusto e sono naturalmente golosi, privi di grassi idrogenati, OGM e coloranti. Completa la proposta il Panettone artigianale per il quale non è necessario attendere quello del Natale: Lievitamente ne mantiene la produzione per tutto l’anno. La versione dell’estate? Lampone, zenzero e cioccolato bianco.

Il riconoscimento

Il pane è una cosa seria. E se chi lo produce è un professionista esperto, consapevole dell’importanza di questo alimento merita di essere premiato. La seconda edizione della Guida Pane & Panettieri d’Italia 2021 ha voluto valorizzare i grandi panificatori e i prodotti ritenuti migliori. «Onestamente mi aspettavo di essere riconfermato un’altra volta. Il primo anno, invece, è stata davvero una sorpresa: avevo girato tanti panifici di qualità ed onestamente non mi sentivo alla loro altezza» ha commentato così Daniel Lunardi il Premio Tre Pani che gli è stato nuovamente conferito.

Rispondi