Il Grand Hotel Alassio (Savona) punta sulla cucina di chef Roberto Balgisi per portare un tocco di fine dining sulle riviera di ponente

roberto balgisi

Una carta per portare un tocco di fine dining sulla riviera ligure di ponente: è con questo spirito che il Grand Hotel Alassio Beach & Spa Resort affida l’intera parte ristorativa dell’albergo all’executive chef Roberto Balgisi, classe 1973 e originario di Vercelli, con una gavetta tra Como e il lago Maggiore, tra la Svizzera e la Francia, tra relais, grand hotel e insegne stellate.

Da qualche anno lo chef è approdato al Grand Hotel Alassio e ne dirige la ristorazione tutta: il ristorante gourmet Gazebo Restaurant, il 18.97 Bistrot Contemporaneo & Pizzeria Napoletana (anno di costruzione dell’hotel, appena due anni prima della data di nascita ufficiale della pizza Margherita, ndF), con una cucina creativa in continua evoluzione, ritratto di un bilanciamento tra raffinatezza del piatto e semplicità, tra esaltazione del gusto e freschezza della materia prima.

piatto Roberto Balgisi chef

È grazie a lui che Alassio può annoverare una meta interessante dal punto di vista gastronomico, in uno scenario altrimenti dominato dall’hotel di Antonio Ricci con il ristorante di Villa La Pergola (che possiede la collezione di Agapanthus più grande d’Europa). L’executive chef Roberto Balgisi tiene alte le insegne del fine dining in questo tratto di costa ligure grazie a un menù che viene impreziosito dall’uso frequente (ma corretto) di salse e frutta.

Ne è riprova un piatto come l’Ostrica stabilizzata con prato verde, gin al basilico e gel di arance amare (foto in alto), oppure il Riso Carnaroli al nero di seppia con calamari locali, capperi e dressing di gel di cipolla Belendina (foto in basso).

Vista anche la posizione del Grand Hotel di Alassio – in riva al mare, con possibilità di essere fruito ben al di là dei mesi estivi – nessuna sorpresa se nel menù di Roberto Balgisi trova poi posto anche un piatto come i Tortelli di astice blu con trippa di baccalà e la salsa di pomodori verdi alla brace (foto in basso).

piatto Roberto Balgisi chef

In definitiva, con questi e altri piatti – come i Tacos di fassona, gli Gnocchi allo zafferano o il Tiramisù scomposto – chef Roberto Balgisi ha allestito al ristorante Gazebo del Grand Hotel di Alassio una carta i cui prezzi sono in linea con l’ambiente e il tenore della cucina: antipasti tra 22 e 28 euro, primi tra 16 e 26, secondi tra 24 e 33 euro.

Articolo precedenteVallepicciola, viaggio al centro delle etichette toscane in forte ascesa
Articolo successivoAl campano Salvatore Tortora la Coppa del Mondo del Panettone tradizionale 
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi