Finalmente si parte! Dopo aver annunciato l’evento Mondiali a Tavola e spiegato le regole e i raggruppamenti per girone, è arrivato il momento di mettere a confronto i piatti delle quattro squadre del Gruppo D (Italia, Inghilterra Costa Rica e Uruguay). Presentiamo ed esaminiamo i diversi piatti tipici:

URUGUAY – Parillada

parillada

La semplicità è tutto: si tratta di un mix di carni alla brace. La parillada può essere composta da differenti varietà di carni e anche la salsa (chimichuri) è una preparazione casalinga che varia a seconda della località.

INGHILTERRA – Fish’n’chips

fish-n-chips

Si tratta di pesce e patatine con aceto e sale: il Fish and Chips, ovvero pesce e patatine, è uno dei piatti più gustosi e conosciuti della gastronomia anglosassone, sia come cibo “take away” che come pietanza principale nei pub. In genere sono filetti di merluzzo immersi in una pastella molto densa e in seguito fritti. Viene servito, oltre che con le patate, con una purea di piselli aromatizzata alla menta. 

COSTA RICA – Gallo pinto

gallo pintoE’ un piatto di riso e fagioli, che conserva una lunga tradizione ed ha notevolmente influenzato la cultura culinaria non solo del Costa Rica ma di molti paesi del Sudamerica.

ITALIA – Spaghetti al pomodoro

spaghetti al pomodoro

Il piatto nazionale italiano, ormai un cult dell’immaginario collettivo del nostro Paese. Non serve aggiungere altro, se non che gli spaghetti devono essere al dente, e il basilico molto fresco.

Chi merita di passare il turno, secondo voi? Votate!

[yop_poll id=”5″]
Articolo precedenteMondiali a Tavola / gruppo C : chi passa il turno? Votate!
Articolo successivoMondiali a Tavola / girone E : Francia favorita… ma chi passa il turno?
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi