Finalmente si parte! Dopo aver annunciato l’evento Mondiali a Tavola e spiegato le regole e i raggruppamenti per girone, è arrivato il momento di mettere a confronto i piatti delle quattro squadre del Gruppo G (Germania, Portogallo, Ghana e Usa). Presentiamo ed esaminiamo i diversi piatti tipici:

GERMANIA – Kalbsschienbein

stinco di vitello

E’ il famoso stinco di vitello, che dalla Germania è stato esportato in tutta l’Europa centrale. Il Kalbsschienbein è un taglio di carne molto gustoso ed economico, quello di maiale è più saporito e ovviamente più piccolo, quello di vitello può arrivare a pesare anche due chili. Si accompagna molto bene con le verdure tipicamente invernali, stufate, al forno, lessate come i cavoli, i broccoli, le rape, i crauti, le patate. Si può servire anche con la polenta sia bianca sia gialla. 

PORTOGALLO – Bacalhau com natas

bacalhau con natas

Si tratta di baccalà con patate e panna, una delle 365 versioni in cui – si dice – la cucina portoghese sia in grado di preparare il baccalà. Letteralmente Bacalhau com natas significa “baccalà con panna” e si tratta di un piatto a base di baccalà, patate, cipolla e besciamella arricchita con la panna. Per alleggerirlo si potrebbe decidere di bollire le patate anziché friggerle e di preparare una normale besciamella senza panna.

GHANA – Fufu

Fufu
Il Fufu, piatto tipico ghanese, è una polenta di manioca. Si tratta di una polenta a base di farina di manioca che viene utilizzato per accompagnare zuppe di carne o di pesce. In alcune versioni si usano anche cassava, igname o platano cotti, trasformati in puré e appallottolati.

STATI UNITI – Cheeseburger

Cheeseburger

Anche volendo, impossibile non averlo mangiato almeno una volta: è il classico panino con carne, pomodoro, formaggio e insalata. Al netto del consumo di massa che è derivato dal boom dei fast food – non facciamo nomi ma sappiamo tutti com’è andata – ne esistono versioni lontane anni luce da quelli delle grandi catene.

Chi merita di passare il turno, secondo voi? Votate!

[yop_poll id=”8″]
Articolo precedenteMondiali a Tavola / girone F : quattro continenti per due posti. Chi passa?
Articolo successivoMondiali a Tavola – girone H : equilibrio senza protagonisti acclarati
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi