Dal rintrocilo abruzzese alla pitta ‘mpigliata calabrese, dal pangiallo laziale alle carteddate pugliesi, fino alla pinza veneta o alle pabassinas sarde: Natale si avvicina, ecco un viaggio tra i piatti natalizi tipici di ogni regione italiana

Riportiamo qui l’intuizione del portale Skyscanner, che ha elaborato un giro d’Italia sulle tracce dei piatti natalizi tipici di ogni regione italiana. Del resto, il Natale è l’occasione giusta per scoprire i piatti regionali più amati nel periodo delle festività di fine anno e partire alla scoperta di sapori nuovi: il portale di viaggi ha così andato alla ricerca delle specialità natalizie: dai primi della tradizione ai dolci più golosi, e li ha raccolti in un “tour dei sapori”. Un giro d’Italia assolutamente da non perdere.
Eccoli: basta cliccare sul nome di ogni regione

ABRUZZO: Rintrocilo / Tacchinella di Natale con patate dorate / Caggionetti

BASILICATA: Peperoncini cruschi fritti / Strascinari / Dolcetti di Natale

CALABRIA: Capretto alla Silana / Ghiotta di Natale / Pitta ‘mpigliata

CAMPANIA:  Minestra maritata / Totani e patate / Roccoccò

EMILIA ROMAGNA:  Cappelletti / Ciambella di tortellini / Tortelli di Natale al forno o fritti

FRIULI VENEZIA GIULIA: Brovada con Muset  / Trippa con sugo e formaggio / Castagnole

LAZIO: Carciofi alla romana / Zuppa di arzilla / Pangiallo

LIGURIA: Natalini in brodo / Salsa verde genovese / Pandolce

LOMBARDIA:  Casoncelli in brodo / Cappone ripieno al forno / Sbrisolona

MARCHE : Pasticciata Pesarese / Maccheroncini di Campofilone in sugo / Pizza de Nata’

MOLISE: Maccarun Chi’i hiucc / Baccalà Arracanato / Calciuni

PIEMONTE:  Insalata di carne cruda all’albese / Peperoni in bagna caoda / Torrone d’Alba

PUGLIA: Focaccia pugliese / Baccalà in umido con lampascioni / Le carteddate

SARDEGNA: Culurgiones de casu / Gnocchetti al ragù d’agnello / Pabassinas

SICILIA : Lasagne cacate / Impanata / Sfincione di san Vito / Cuccìa di Santa Lucia

TOSCANA:  Crostini di fegatini / Cappelletti in brodo di cappone / Panforte

TRENTINO ALTO ADIGE : Canederli / Strangolapreti / Strüdel

UMBRIA:  Cappone bollito / Panpepato

VALLE D’AOSTA:  Mocetta in crostini al miele /  Zuppa alla Valpellinentze / Caffè Mandolà

VENETO: Lesso di Manzo con Cren / Gnocchi al sugo d’anatra / La Pinza

Articolo precedenteEditoria: la guida “su misura” (e per immagini) dei ristoranti fiorentini
Articolo successivoTipicità & neologismi: Eataly inventa il… wisky
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

1 COMMENT

Rispondi