Doppio successo per Raffaele Di Stasio: prima si è aggiudicato il titolo di miglior pizzaiolo d’Italia al Pizza Talent Show, poi il Master Pizza Champion 2021

Prima si è aggiudicato il titolo di miglior pizzaiolo d’Italia al Pizza Talent Show, nel maggio scorso. Adesso ha vinto la 6° edizione del Master Pizza Champion 2021, diventando cosi l’unico italiano ad aver vinto per due anni consecutivi due programmi televisivi dedicati al mondo della pizza. Un anno felice, per il pizzaiolo napoletano Raffaele Di Stasio, da 15 anni attivo in Lombardia.

La sesta stagione del talent televisivo dedicato ai pizzaioli professionisti ha visto confrontarsi in gara 16 pizzaioli fin dalla prima puntata: “Hanno tutti dimostrato di essere molto competenti e preparati, pieni di inventiva e spirito di competizione” spiega Raffaele Di Stasio, che si divide tra le due sedi nell’hinterland milanese (Bovisio e Lissone) della sua pizzeria Verace Assaje.

Raffaele Di Stasio

Tra la pizza alla pala e impasti gourmet, Raffaele Di Stasio si era fatto conoscere nel maggio scorso con la vittoria al talent show in onda su Alma Tv, con la pizza “Un ricordo d’infanzia”, una pizza dessert che il pizzaiolo ha voluto dedicare al papà utilizzando ingredienti che ricordavano i loro momenti felici. Non solo dunque memoria olfattiva e involontaria, alla maniera della madeleine proustiana, ma un viaggio gustativo che attraversa volontariamente l’autobiografia e ne restituisce intatte le suggestioni più preziose.

Raffaele Di Stasio

Raffaele Di Stasio, amalgama esplosivo di autenticità partenopea, spirito accudente e fervido estro sperimentale sembra incarnare alla perfezione il pensiero di Paul Gauguin, secondo cui cucinare suppone una testa leggera, uno spirito generoso e un cuore largo.

Articolo precedenteGuida Michelin 2022, ecco tutti i ristoranti stellati in Toscana
Articolo successivoCome si diventa campioni europei di macelleria, spiegato dai vincitori
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi