Alternativi davvero. Non solo ristoranti, trattorie, chalet, agriturismi, bed & breakfast et similia: tra le offerte per una cena romantica a San Valentino c’è anche quella che non ti aspetti. Con 14 euro l’amore si celebra da Ikea, a Sesto Fiorentino, col vassoio da mensa

ikea san valentino - tre forchettieri

Essere davvero alternativi significa anche questo: troppo facile scegliere di non festeggiare San Valentino, contestando (a ragione, peraltro) l’eccessiva commercialità della ricorrenza dedicata agli innamorati. La vera frontiera, piuttosto, è un’altra: celebrare sì la festa, ma in maniera creativa e decisamente anticonvenzionale. Ad esempio, mettendosi in coda col vassoio da mensa all’IKEA. Già, perché cercando tra le offerte di San Valentino abbiamo trovato anche quella del noto megastore all’Osmannoro (Sesto Fiorentino): cena a 13,99 euro a persona, per i soci.

“Potrai gustare una deliziosa cena accompagnata dall’intrattenimento musicale della cantante Paola Guadagno” recita la pubblicità. Ora, non ho molta familiarità con la cantante ma conosco abbastanza bene – reduce da tre traslochi in pochi anni – il ristorante dell’IKEA, i suoi piatti e le bevande, inclusa la bibita al lampone. Per il 14 febbraio non ci saranno polpettine svedesi o tranci di salmone, comunque: ecco il menù, che ipotizziamo essere servito secondo le stesse modalità degli altri giorni (quindi con la fila che scorre, i vassoi con le posate, ecc…)

Antipasto: Cuori teneri di pane con formaggio filante e prosciutto arrosto
Primo: Ravioli degli innamorati al profumo di bosco
Secondo con contorno: Lonza di suino agli aromi con abbracci di patate e carciofi
Torta: Passione fondente al cioccolato
Acqua e vino

C’è poi il menù bimbi per i pargoli fino a 12 anni (immancabili, in una cenetta romantica per San Valentino): pasta al pomodoro, polpette con patatine e gelato a 6 euro. Su prenotazione, infine, è possibile organizzare il menù senza glutine. Per un San Valentino ricco d’ammore  di vassoi, insomma.

Articolo precedenteUn piatto “tipico” 2.0 per mettere d’accordo la Toscana a Expo2015
Articolo successivoIl firmamento borderline: un po’ di chiarezza sulle stelle Michelin
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi