Per un’indagine che al 90% si basa su ciò che accade negli aeroporti, a Firenze è andata davvero di lusso. Se gli autori avessero considerato infatti lo scalo di Peretola tout court, probabilmente la città non avrebbe mai vinto la medaglia – l’unica per l’Italia – dei Travel Awards 2013. A far trionfare il capoluogo toscano al sondaggio cui l’agenzia di viaggio Opodo ha sottoposto 1500 viaggiatori europei è stata invece l’offerta gastronomica cittadina nel suo complesso. Ciò ha permesso alla città del giglio di superare Bordeaux (che soddisfazione….), New York e Tokyo. Insomma, pare proprio che la bistecca col Chianti o la ribollita abbiano avuto il sopravvento sui vini francesi e foie gras, così come sulla cucina cosmopolita della Grande Mela e il sushi o la tempura giapponesi.

30

Il sondaggio cura poi un altro aspetto che interessa da vicino gli appassionati di enogastronomia e bon vivre: i bar degli aeroporti, che l’esperienza ci insegna essere tanto occasione di fugaci bevute prima del volo quanto luogo dove far passare interminabili ore in attesa della coincidenza. Ebbene, per gli utenti del web la palma del migliore bar va a Singapore, dove ci si può rilassare sulla terrazza dell’Harry’s Bar o, per 10 dollari, fare una nuotata e sorseggiare un cocktail al Pool Bar. Seguono Los Angeles, Amsterdam e Londra (Gatwick).

71

Al di là del riconoscimento per la gastronomia fiorentina, però, va notato che l’Italia scompare dalle classifiche sul “top” del mondo dei viaggi. I traveller online si sono espressi su varie categorie: destinazioni, compagnie aeree e aeroporti. Analizzando i risultati Barcellona si classifica la meta più adatta alla vacanza da single, grazie alla sua atmosfera informale e frizzante, superando nelle preferenze Miami Beach e due isole: la giovane Ios e la folle Kho Pha Ngan, patria del “full monty party” sulla spiaggia.

03

L’innovativa Berlino, con i suoi locali all’avanguardia e le sue proposte eclettiche, si classifica prima nella categoria vita notturna, superando Las Vegas, Rio de Janeiro e perfino l’isola più festaiola d’Europa, Ibiza.

21

In quanto alle offerte per famiglie, vince Orlando (Usa) come capitale mondiale dei parchi di divertimenti (Disneyworld, Universals Islands of Adventure, Legoland). Alle sue spalle Londra, con musei gratis e molti parchi dove giocare e rilassarsi, poi Creta e Città del Capo

13

L’indagine passa poi all’aspetto degli aeroporti

I vaggiatori Opodo hanno scelto lo scalo di Bangkok come il migiore in grado di accogliere e coccolare i propri ospiti grazie ai numerosi servizi extra, tra cui anche un’incredibile “spa” nella quale rilassarsi prima del decollo. Mentre quello di Dubai risulta essere l’aeroporto con i negozi più belli e attraenti. Seoul invece trionfa per la splendida architettura, simbolo delle cultura coreana.

93

Forse sull’onda emotiva delle passate Olimpiadi, la pubblicità di British Airways – che ha come protagonista un aereo che accompagna in giro per Londra degli stupefatti passeggeri, con in sottofondo “London Calling” dei Clash – ha conquistato i traveller Opodo. Le hostess di Singapore Airlines, che indossano le eleganti divise disegnate dal francese Balmain, hanno affascinato i votanti, che le hanno elette vincitrici nella categoria miglior uniformi.

50

Articolo precedenteFirenze capitale del vino: il 17 e 18 maggio torna WineTown
Articolo successivoChi inventò il gelato? Ecco come andò la sfida fiorentina tra Buontalenti e Ruggeri
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi