Con l’avvio della stagione estiva Firenze vede l’arrivo (o il ritorno) di chef e pizzaioli. Ecco tutti gli ultimi movimenti sullo scacchiere della ristorazione cittadina

Come ogni anno, l’arrivo della bella stagione coincide con una serie di movimenti nel mondo della ristorazione fiorentina. Avevamo già parlato del nuovo incarico dello chef stellato Erez Ohayon presso il Jardin La Ménagère nel giardino segreto del Riva Loft, così come del debutto di Luigi Incrocci, passato dal Grand Hotel Villa Medici a Rivoire (foto in alto).

Tra le novità più importanti di questo inizio d’estate c’è l’avvicendamento alla pizzeria interna al Mercato Centrale di Firenze, al primo piano. Per un Tre Spicchi del Gambero Rosso che lascia la struttura fondata da Umberto Montano – il pizzaiolo Marco Fierro, passato nei mesi scorsi a fare l’executive per il gruppo Da Zero – c’è un pari grado che arriva: si tratta di Francesco “Ciccio” Vitiello: la sua pizzeria a Caserta, Casa Vitiello, è stata inserita nell’elenco delle 50 migliori pizzerie del mondo nel 2020. Altissima qualità, attenzione e rispetto per la tradizione sono gli ingredienti del suo successo, insieme ad un’accurata ricerca delle materie prime e uno studio continuo sui blend di farine, che rendono la sua pizza leggerissima.

Con Essenziale in piazza di Cestello chiuso fino ai primi di settembre, invece, lo chef Simone Cipriani prende posto sul magnifico rooftop del Plaza Hotel Lucchesi, a due passi da Santa Croce. Nello spazio celebre per ospitare la versione “con vista” del cocktail bar Empireo, grazie a un accordo con il F&B Gabriele Frongia (a sinistra nella foto con lo chef), lo chef dell’Essenziale è stato chiamato ad aggiornare l’offerta gastronomica interna, in modo da renderla più  accattivante anche ad un pubblico esterno: presto vi si potrà degustare il menù completo di Essenziale.

L’estate porta anche il ritorno di Davide Chen a Firenze, presso Vivo in Largo Annigoni. Lo chef, già braccio destro di Simone Cipriani, era da qualche anno “emigrato” a Prato alla corte di Mysea Bistrot. Adesso ha deciso di far ritorno nel capoluogo, restando fedele alla lavorazione del pesce, materia prima con cui ha un feeling consolidato.

Infine chiudiamo con il nuovo incarico di Luigi Bonadonna al “The Stellar”, il ristorante nel nuovo hub Nana Bianca dedicato a innovazione, creatività e tecnologia, ricavato all’interno di un granaio mediceo e della sua corte seicentesca. Il progetto nasce dalla partnership tra la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e Nana Bianca, che hanno restituito ai fiorentini uno spazio che finora ospitava la Caserma Cavalli (dove tanti hanno fatto la visita per il militare). Luigi Bonadonna si occupa di food a 360°, dalle colazione alla cena, inclusi pane, pasta e dolci, mentre Alessandro Fresoli fa da F&B manager.

Articolo precedenteBa’Ghetto, la cucina kosher declinata nelle realtà gastronomiche locali
Articolo successivoFresco, alla frutta e artigianale: ecco il panettone estivo
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

1 COMMENT

Rispondi