La proposta lanciata da Paolo Gori (Burde) che sposiamo e rilanciamo: da oggi in ristoranti e trattorie fiorentine e toscane in carta un baccalà mantecato “solidale” per raccogliere fondi a favore della ricostruzione post-allagamento di Venezia

Come per Amatrice, gli chef fiorentini e toscani non fanno mancare il loro appoggio a una città in difficoltà. Adesso tocca a Venezia, alle prese con un allagamento senza precedenti che ha messo la Serenissima in ginocchio. A lanciare l’iniziativa è stato Paolo Gori, chef di Da Burde e già tra i più attivi nel dare vita all’Amatriciana Day quattro anni fa (poi evoluta nella Italian Chef Charity Night annuale).

In particolare, da oggi Paolo Gori servirà in carta un piatto di baccalà mantecato al prezzo di 5 euro, e tutto il ricavato verrà destinato alla ricostruzione post-allagamento. In queste ore Paolo sta valutando – insieme a Leonardo Romanelli – a quale opera destinare i fondi, anche confrontandosi con attori locali come Slow Food, ma il suo può essere un gesto che dà il calcio d’inizio a una mobilitazione più ampia.

Ecco perché, come Forchettiere, intendiamo rilanciare e sostenere questa iniziativa invitando gli chef fiorentini e toscani ad aderire e a servire nei rispettivi ristoranti un piatto di/con baccalà mantecato e devolvere il ricavato a un progetto comune dedicato alla ricostruzione. Chi volesse partecipare all’iniziativa può comunicarlo a Paolo Gori (paologoriburde@gmail.com) o al direttore del Forchettiere (marco@ilforchettiere.it), o ancora al giornalista Leonardo Romanelli (leonardoromanelli@tiscali.it).

Al momento – ma l’iniziativa è partita da pochissime ore – hanno già aderito singoli chef e comunità come l’Associazione Cuochi Fiorentini, con il presidente Massimiliano Catizzone che ha individuato un delegato per il progetto, mentre il momento conclusivo della campagna si terrà dal 6 all’8 dicembre alla Fortezza da Basso in seno alla manifestazione Enogastronomica 2019.

Siamo certi che il numero dei partecipanti aumenterà in maniera importante. Una volta raccolti i fondi, gli chef potranno convogliarli sul conto corrente della Italian Chef Charity Night (Iban IT51H 01005 02970 0000 0000 1697) indicando “Venezia” come causale.