Annie Feolde
Un nuovo riconoscimento per una delle signore della cucina toscana e nazionale: Annie Feolde, anima della pluripremiata Enoteca Pinchiorri, ha ottenuto dalla giuria del Premio Nonino – presieduta da V.S. Naipaul, premio Nobel per la letteratura 2001 – il premio speciale  Nonino Risit d’Aur  2013, insieme a Gualtiero Marchesi ed Ezio Santin con la seguente motivazione:  “Con Annie Feolde, Gualtiero Marchesi e Ezio Santin si vogliono premiare le prime ‘tre stelle’ dell’arte culinaria italiana, tre voci e tre maestri che da veri pionieri hanno fatto conoscere  l’eccellenza della cucina italiana nel mondo. Fedeli alla tradizione ma aperti all’innovazione, rappresentano e onorano le decine di grandi chef che hanno portato la nostra enogastronomia a vette di eccellenza.”  Il premio, giunto alla 38esima edizione, è stato consegnato nella sede della distilleria Nonino, a Ronchi di Percoto.
“È una grande emozione per me – dice Annie Feolde – ricevere questo premio, con due eccellenti colleghi ma soprattutto straordinari  amici. Ci legano anni di lavoro in cui abbiamo visto crescere ed evolversi la cucina italiana della quale ci sentiamo  con orgoglio  interpreti. Ma il sentimento più grande, e in qualche modo nuovo, lo vivrò accanto alla straordinaria autorevolezza dei personaggi  che compongono la giuria e di coloro che saranno con noi premiati (il filosofo Michael Pollan, la poetessa Jorie Graham, la ricercatrice Fabiola Gianotti e il fisico Peter Higgs). Un’occasione come questa – continua Annie – mi spinge a ripensare alla mia vita. Significa che tutto ha avuto un senso e che viene premiato il lavoro, la professionalità e tutti quei valori ai quali ho sempre creduto e ai quali ho ispirato il mio modo di interpretare la vita stessa.”
Previous articleMontepulciano, ecco le date dell’Anteprima 2013
Next articleArtimino: la sfida di Beppe Bigazzi ai luoghi comuni della cucina
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.