Con il titolo di brand più avvincente dell’anno (Wine Lister), il vignaiolo fiesolano Bibi Graetz chiude un 2021 da urlo, culminati con l’ingresso del Colore 2019 nei 100 migliori vini del mondo per James Suckling

Nell’anno d’oro dell’Italia sportiva, il 2021 si conferma addirittura di platino per il vignaiolo fiesolano Bibi Graetz: l’anno che sta per chiudersi porta infatti al creatore di “Testamatta” e “Colore” – che quest’anno hanno festeggiato le 20 vendemmie – due titoli piuttosto prestigiosi. Da un lato il report di Wine Lister, che analizza il mondo del vino e individua i brand più performanti e brillanti dell’anno misurando l’andamento di vini e produttori che abbiano raggiunto grandi risultati in termini di qualità e popolarità. Dall’altro, il “guru” James Suckling.

bibi graetz

Ma partiamo dalla graduatoria di Wine Lister: nel 2021 fanno parte della lista 188 vini e produttori da 20 regioni nel mondo (da Opus One e Screaming Eagle in Napa Valley, Haut Brion, Mouton Rothschild a Bordeaux, Romane-Conti e Faiveley in Borgogna, per arrivare a Masseto e Solaia in Toscana). E fra questi 188 nomi Wine Lister ha individuato i brand più performanti andando cosi “al cuore dei fine-wines” mondiali e creando la categoria “Most Compelling wine 2021” ovvero “i vini più avvincenti del 2021”.

Al vertice di questa prestigiosissima classifica si posiziona proprio Bibi Graetz “con più menzioni di ogni altro produttore”, scelto per la qualità dei vini e per la redditività oltre che per la “super visibilità del marchio, creando larga domanda in un breve lasso temporale”. Questa conferma arriva pochi giorni dopo l’inserimento del vino più pregiato di Bibi Graetz, Colore 2019 20°Anniversario, all’interno dei 100 migliori vini del mondo 2021, classifica stilata dal critico di fama mondiale James Suckling.

bibi graetz vino

Come detto, quest’anno “Colore” e “Testamatta” – due dei vini più iconici tra quelli griffati da Bibi Graetz – spengono le loro prime venti candeline, e hanno festeggiato la ricorrenza diventando nel tempo vini sempre più apprezzati. Robert Parker parla dei vini di Bibi Graetz in termini più che lusinghieri sostenendo che in italia non esista un produttore “fuori dagli schemi” migliore di lui. E confermandolo con un punteggio di 97/100 punti per Colore 2018.

Articolo precedenteDai fumetti alla tavola: i banchetti di Asterix e Obelix in un ricettario
Articolo successivoFocaccia di Recco IGP, tutto quel che c’è da sapere sul tesoro della riviera
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi