Cambio di nome – ma non di proprietà – per uno dei caffè storici fiorentini: Piansa, in viale Europa, da giovedì 4 febbraio si trasforma in Rimani, il nuovo marchio di proprietà della Ro.Gi snc di Ginestroni Marco & c. che già da 10 anni gestiva la caffetteria in grado di servire 1 milione di tazzine nel 2015

55770b388fc825d5acca62ed

Cambia soltanto il nome, ma – si sa – a volte il nome è tutto. Quello che i fiorentini erano abituati a chiamare Piansa, la storica caffetteria di viale Europa 128, da giovedì 4 febbraio diventa Rimani. Non si tratta di una rivoluzione né di un cambiamento tout court come nel caso di Rivoire: ad essere inaugurato sarà infatti il nuovo marchio di proprietà della Ro.Gi snc di Ginestroni Marco & c. che già negli ultimi dieci anni ha gestito il locale. Resterà invariato il core business della struttura, ossia la vendita di caffè: Piansa cambia nome, insomma, ma la sostanza rimane la stessa. A partire dal caffè, dove i numeri sono lusinghieri: per avere un’idea di quanto “pesi” Piansa nell’economia dei caffè cittadini basti pensare che nell’arco del 2015 l’azienda ha servito ben un milione di tazzine tra caffè espressi e caffè consumati a casa.

Schermata 2016-02-01 alle 21.56.37

Continuerà così la vendita di caffè sfuso e macinato per la casa ma anche il caffè monoporzionato in capsule e cialde. Il caffè con le sue evoluzioni rappresenta una nuova sfida che Rimani è sicura di vincere con la qualità. Oltre al caffè, una vasta gamma di prodotti selezionati a marchio Rimani: cioccolata, vini, prosecchi e birra artigianale amplieranno il ventaglio di scelta per la clientela. Sarà dato spazio alla tecnologia: un tablet all’ingresso guiderà i clienti nell’acquisto di vini e dolci di produzione propria con possibilità di scelta in base ad abbinamenti, zone di produzione ed altre caratteristiche dei prodotti. La giornata del Rimani sarà scandita da alcuni momenti: le colazioni dalle 6.30, il pranzo con una grande varietà di piatti e menù diverso tutti giorni, il “dolce break” del pomeriggio e l’aperitivo delle 18. Inoltre, il sabato brunch dalle 12 a 10 euro/persona.

IMG-20150311-WA0001(1)

La storia imprenditoriale delle famiglie che hanno dato vita al marchio Rimani ha un grande passato, che prende il via nelle campagne senesi già alla fine dell’Ottocento. Una croni­storia, corredata da foto storiche, racconterà all’interno del locale tutti i passaggi generazionali, fino all’ultima creazione. Il legame familiare è presente anche nella scelta del nome, che racchiude le iniziali dei nomi di battesimo dei figli dei tre soci titolari. Attualmente lo staff di Rimani è composto da 22 persone, suddivise tra i vari settori: banco, cucina e laboratorio di pasticceria. L’inaugurazione è prevista per giovedì mattina, ore 10.30 con il taglio della torta insieme a Narciso Parigi, e piccoli omaggi golosi ai primi 1000 clienti che entreranno nel bar. La caffetteria di viale Europa è solo il primo mattone di un format, che ha l’obiettivo di espandersi attraverso un progetto più ampio che sarà presentato nel prossimo futuro.

Previous articleIl caso: olio tunisino tra presunte invasioni, bufale e mezze verità
Next articleFiera del cioccolato: i 10 cooking show del “dream team” di chef toscani
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.