Per guardare le stelle bevendo un calice di vino le occasioni non mancheranno certo. Una delle proposte più tradizionali è Calici di Stelle, l’appuntamento targato Movimento Turismo del Vino in collaborazione con Città del Vino. Il 10 agosto sarà anche l’occasione di festeggiare i duecento anni dalla nascita di Giuseppe Verdi ballando in cantina: la kermesse torna infatti con questa novità in decine di cantine toscane. Nella notte di San Lorenzo i wine-lovers saranno protagonisti del brindisi più atteso dell’estate tra degustazioni e iniziative sotto le stelle, musica e spettacoli. Un’occasione per vivere la magia dei territori più suggestivi del Granducato nella notte delle stelle cadenti, all’insegna dei migliori vini e delle ricchezze culturali della Toscana.

evi

“Con Calici di Stelle – dichiara la neopresidente del Movimento Turismo del Vino Toscana, Violante Gardini – comincia una nuova avventura per tutta la “squadra”. Sono sempre più convinta che la Toscana sia da considerarsi al primo posto nel mondo con i suoi vini di pregio, i suoi paesaggi incontaminati, la sua arte e cultura, e la sua tradizione gastronomica; un mix imbattibile che deve essere affiancato da una rete di servizi turistici di ottimo livello. Lo conferma il successo crescente di Calici di Stelle che, unendo il fascino e l’emozione della notte di San Lorenzo alle diverse iniziative “a lume di candela” nelle cantine del Movimento Turismo del Vino Toscana e nelle piazze delle Città del Vino, regala agli enoappassionati un’esperienza unica”.

Per info: www.mtvtoscana.eu

Previous articleVernaccia di San Gimignano, vent’anni e non sentirli…
Next articleBollicine ad Artimino, cocktail party per quasi mille ospiti
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.