Martedì 7 luglio a Castel San Niccolò (Arezzo) il 19° appuntamento con Capolavori a Tavola, la kermesse ideata da Simone Fracassi che richiama il top degli chef toscani e non, insieme per una nobile causa

Ci saranno chef stellati toscani come Gaetano Trovato, Marco Stabile, Filippo Saporito, Francesco Bracali e Stelio Sakalis, insieme a big nazionali come Bobo & Chicco Cerea, Giancarlo Morelli o Cristina Bowerman. E ancora: talenti local come Andrea Perini e Filippo Baroni, pizzaioli come Pierluigi Police, il re delle alici di Cetara Pasquale Torrente, il pasticcere Paolo Sacchetti e i gelatieri Sergio Dondoli e Silvana Vivoli. Ed è ancora parecchio lunga, la lista del parterre de roi di Capolavori a Tavola 2020.

La manifestazione, in programma martedì 7 luglio, quest’anno si terrà alla discoteca Piscine River Piper in località Ponte d’Arno, a Castel San Niccolò (Arezzo) per motivi di opportuno distanziamento, ma nulla cambierà nella formula. Cucina di qualità, solidarietà e sicurezza post Covid 19 saranno il mix della 19° edizione del format, nato da un’idea di Simone Fracassi, il ‘Re della Chianina’, che richiama ogni anno nella suggestiva vallata del Casentino celebri cuochi, gelatieri, pasticceri, cioccolatieri e imprenditori del food.

Una rassegna dedicata alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche nazionali e dei suoi protagonisti, col tocco d’internazionalità dato dallo champagne Bergere. Lo scopo è benefico: il ricavato sarà devoluto in sostegno ai progetti sociali dell’Associazione C3 Centro Creativo Casentino Onlus di Bibbiena.

«Capolavori a Tavola – ricorda Simone Fracassi – è nata nel 2001 con l’obiettivo di promuovere e per far conoscere il prosciutto del Casentino. Di anno in anno abbiamo poi coinvolto professionisti sempre più importanti da tutta la penisola, arrivando a configurarsi come un vero e proprio gala della migliore cucina italiana e dei suoi protagonisti. Quest’anno, in particolare, vogliamo trasmettere ai circa 300 ospiti la serenità, la tranquillità e il piacere di tornare a vivere il mondo della ristorazione che tanto ha sofferto e in parte sta ancora soffrendo».

Qui la locandina di Capolavori a Tavola 2020 con tutti i partecipanti.

Articolo precedenteTroppaTrippa: così Romanelli declina il connubio tra pasta e frattaglie
Articolo successivoFirenze, il politico e i suoi 500 barattoli di pomodori secchi diventati un cult
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.