Dopo la presentazione della “Chianti Classico revolution”, il riassetto della denominazione che
ha visto fra le varie novità il deciso restyling del marchio Gallo Nero e l’introduzione di un
nuovo vino ai vertici della piramide qualitativa del Chianti Classico, l’omonimo Consorzio porta a
compimento un altro importante traguardo all’insegna della valorizzazione e della competitività
della denominazione.

Nasce la Chianti Classico Co., con socio unico il Consorzio Vino Chianti Classico, che avrà
come obiettivo prioritario quello di valorizzare e promuovere il brand Gallo Nero in tutte le sue
declinazioni. Un’operazione che porterà ad un ulteriore rafforzamento di un marchio, il Gallo Nero,
già noto in tutto il mondo e segno distintivo dell’eccellenza enologica italiana.

Il presidente della "Chianti Classico co.", Michele Zonin
Il presidente  Michele Zonin

Ai vertici della nuova nata, Michele Zonin (Castello d’Albola) che rivestirà il ruolo di Presidente
mentre Davide Gaeta avrà la funzione di Amministratore Delegato.

Membri del CdA: Sergio Zingarelli (Rocca delle Macie e presidente del Consorzio), Carlo Maria
Mascheroni (Castello di Volpaia), Alessandro Palombo (Luiano), Francesco Daddi (Castello La
Leccia), Sandro Sartor (Ruffino) e Giuseppe Liberatore, direttore generale del Consorzio Vino
Chianti Classico.

“E’ la prima volta nella storia dei Consorzi di tutela – sottolinea il Presidente del Consorzio Sergio
Zingarelli – che un’associazione di produttori si dota di un organismo esterno a supporto delle
attività di valorizzazione e promozione della denominazione: la Chianti Classico CO sarà il vero e
proprio braccio armato dell’area marketing”.

Con questo strumento il Consorzio Vino Chianti Classico, l’associazione più antica di produttori in
Italia nata nel 1924, propone un’idea innovativa per affrontare le sfide del futuro e la sempre più
aggressiva concorrenza internazionale.

Articolo precedenteCyber-uova di pasqua: con le Easter Eggs la sorpresa è nel (vostro) pc
Articolo successivoSfida tra i titani del fast-food: McDonald’s o Burger King?
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.