Già dall’estate gli chef Maria Probst e Cristian Santandrea avevano preso altre strade, poi la vendita della cantina. Ora l’ultimo atto: chiude la Tenda Rossa a Cerbaia, in Toscana

L’addio si consuma in una grigia mattina di metà settembre, ma per la Tenda Rossa di Cerbaia – locale storico dell’hinterland fiorentino, già bistellato dal 1980, poi dimenticato dalla Michelin e infine tornato a brillare con una stella – già da qualche tempo c’erano le avvisaglie di cambiamenti importanti.
chef
I segnali c’erano, e non sono sfuggiti agli addetti ai lavori: prima la “pausa” estiva degli chef Maria Probst e Cristian Santandrea – la prima ha iniziato a collaborare con la Fattoria di San Michele a Torri, a Scandicci, il secondo ha preso servizio all’Argentario – poi la vendita delle bottiglie pregiate della cantina.
Adesso arriva l’ufficialità: “Sono stati mesi intensi – si legge su Facebook – dove abbiamo riflettuto a lungo sul nostro futuro: abbiamo incontrato tante persone, cercato di capire cosa fare e come farlo e poi siamo giunti ad una conclusione, in maniera serena: la Tenda Rossa si prende una pausa di riposo. L’avventura a Cerbaia è definitivamente chiusa, il luogo che è stato il centro della nostra e anche della vostra vita chiude i battenti: lo facciamo con un velo di malinconia, come è giusto che sia, ma carichi di entusiasmo per quello che sarà il nostro futuro”.
ph. Gilberto Bertini
Si tratta, come spiega il messaggio, di un arrivederci. In attesa di capire dove, come e con chi sulla plancia di comando sia in sala che in cucina, resta il ricordo di un locale che da anni ha scritto pagine importanti della gastronomia toscana, indipendentemente dai giudizi della guida Michelin.
Articolo precedenteCuoco di giorno, stripper di notte: la storia (vera) di un giovane chef veneto
Articolo successivoA Firenze il primo Martini Bar d’Italia (e di certo il più piccolo del mondo)
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi