Carnevale, tempo di dolci e specialità regionali. Ecco qualche suggerimento per cedere alle tentazioni della gola senza rischiare di aumentare il girovita

Carnevale è alle porte, e sappiamo che i dolci di questo periodo sono buonissimi. Abbiamo chiesto alla biologa nutrizionista Chiara Pagliai – specializzata in piani alimentari per diete dimagrimento, e percorsi di educazione alimentare per patologie, alimentazione dei bambini,  sportivi, ecc… – una serie di suggerimenti per concedersi i tradizionali dolci di questo periodo senza ingrassare troppo. In fondo, viviamo un periodo provante dove la tentazione per gratificarsi è sempre dietro l’angolo.

Ecco allora qualche piccolo trucchetto per cercare di non prendere peso in queste settimane.

  • Giocate d’anticipo, arrivare in forma a carnevale seguendo un regime dietetico ristretto sano ed equilibrato nei giorni precedenti. In pratica: ridurre il consumo di carboidrati complessi (pane e pasta); prediligere il consumo di un secondo piatto (carne, pesce, legumi, uova) a pranzo e a cena con un contorno di verdure; limitare l’uso dell’olio a 2-3 cucchiai al giorno (preferibilmente da utilizzare a crudo).
  • Mangiate porzioni piccole.
  • Aumentate l’attività fisica. La migliore strategia è quella di fare attività fisica per evitare che l’eccesso ingerito si accumuli sotto forma di grasso. Uscite nel pomeriggio per fare una camminata a passo svelto di almeno 30-40 minuti: stare fuori casa sarà anche un ottimo modo per allontanarsi dalla tentazione di spizzicare dolci e dolcetti vari. Meglio per chi può aggiungere anche una passeggiata al mattino.
  • Bevete molta acqua.
  • Non demonizzare i dolci. Il consumo di dolci se fatti con ingredienti di buona qualità, una volta ogni tanto e mangiati in un contesto sano (non aggiungiamo altri carboidrati, preferiamo pasti proteici, incrementiamo uso di frutta e verdura fresche e spazio dedicato all’attività fisica) non è da condannare.
  • Evitare gli spuntini. In questo periodo suggerisco di mangiare solo ai pasti così si può attivare il “glucagone”, ormone antagonista all’insulina che consente il consumo del grasso accumulato. È quindi meglio evitare lo spuntino e gradire piuttosto un pasto un po’ più completo e abbondante, a partire dalla prima colazione (e riducendo un pochino le entrate a cena).

Con questi semplici suggerimenti passare il Carnevale sarà divertente e gustoso, con meno sensi di colpa, ma anche un’ottima occasione per guadagnare buone abitudini nutrizionali e di stimolo metabolico da portarsi dietro con serenità nel resto dell’anno.

Rispondi