Una cena a buffet, preceduta da antipasti e assaggi sfiziosi in stile finger food, e seguita da golose proposte dolci: è il “Peposo Party” organizzato per venerdì 12 aprile alle 20 alla “Gramola” nel cuore di Tavarnelle Val di Pesa. A ideare l’appuntamento sono stati Riccardo Chiarini (Promowine) e Leonardo Tozzi (Firenze Spettacolo), che per una sera porteranno in scena un piatto storico del territorio riletto e riproposto in una serata di festa, in una veste di inusuale e sorprendente leggerezza grazie alla cucina di Cecilia Dei. Il menù prevede crostini tradizionali, al burro del Chianti, con paté di pomodoro, con salame, prosciutto, finocchiona e sott’olio, Frolline al formaggio, bruschetta, pappa al pomodoro, ribollita, Farrotto con zucca gialla..
Quindi il mitico Peposo dell’Impruneta accompagnato da Fagioli cannellini, Spinaci saltati, Insalatina di campo.
Infine i dolci, con mousse al cioccolato bianco con riduzione di agrumi, biscottini e caffè
In abbinamento una selezione di vini di Castello di Fonterutoli 

Gran peposo party

Serata su prenotazione – 25 euro: inviare una mail a info@firenzespettacolo.it o telefonare a La Gramola 055 8050321

Articolo precedenteEnologia, presentato a Vinitaly il secondo premio “Giulio Gambelli”
Articolo successivoA novembre Firenze ospita il 47° congresso nazionale Ais
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi