Una “green night”, una serata all’insegna del colore verde e del cibo naturale, in tutte le sue sfumature. E’ l’evento organizzato dalla Villa Medicea “La Ferdinanda” di Artimino (Prato) per venerdì 19 aprile, la prima tappa del calendario coloured ideato per rendere il complesso mediceo cuore pulsante del triangolo Firenze-Prato-Pistoia. Un appuntamento al mese, ognuno ispirato a un colore dell’arcobaleno che farà da filo conduttore. Ed è all’insegna dell’ispirazione cromatica e di un continuo gioco di richiami, infatti, che la Villa di Artimino ha programmato le iniziative per il 2013.

image001

Si parte il 19 aprile con la festa verde, che ha molteplici significati: da un lato sdrammatizzare la situazione economica (che lascia molti al verde….), dall’altro dimostrare come sia possibile allestire un’apericena caratterizzata da prodotti “bio” anziché dal junk food. Il buffet verrà infatti preparato solo con materie prime “green”, mentre all’interno dei saloni della villa saranno allestiti corner di esposizione e vendita di prodotti biologici. All’esterno, inoltre, verrà mostrata la vettura ecologica Twizy della Renault. Ad allietare i partecipanti ci sarà musica dal vivo.

In fondo, non tutti sanno che il verde (nella tonalità smeraldo, 17-5641 per la precisione) è il colore ufficiale dell’anno 2013, secondo quanto ha decretato il Pantone Color Institute del New Jersey. “Una tonalità che esprime eleganza e bellezza e esalta la sensazione del nostro benessere, dell’equilibrio e dell’armonia. Non solo – aggiunge Leatrice Eiseman, executive director dell’istituto – ma è la tonalità più abbondante in natura. L’occhio umano vede più il verde di ogni altro colore dello spettro”.

Articolo precedenteA novembre Firenze ospita il 47° congresso nazionale Ais
Articolo successivoMatrimonio da favola a Firenze: le (discutibili) ragioni del “no”
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi