Alla biblioteca delle Oblate un concorso premia le “ricette letterarie”: la premiazione si terrà sabato 18 ottobre alle  17.30 presso la terrazza della biblioteca, in una serata in cui le ricette saranno interpretate teatralmente. L’evento fa parte di ‘Vetrina Toscana’, progetto di promozione della Regione Toscana

interno giorno particolare

Condividere la propria ricetta preferita, che sia d’infanzia, letta in un libro o trovata on line, e reinterpretarla ai fornelli, per vincere orti biologici da piantare in terrazzo: è lo spirito di ‘La tua ricetta preferita’, il concorso culinario pensato dalla caffetteria della Biblioteca delle Oblate, in collaborazione con Cooperativa Archeologia, per ‘Vetrina Toscana’, progetto di promozione della Regione Toscana che mette in rete saperi, sapori e produzioni tipiche.

ricette

Le linee guida per vincere sono usare ‘ironia, passione e, preferibilmente, ingredienti toscani, ispirandosi alla tradizione culinaria della regione’. Un’apposita giuria, composta dal critico gastronomico Marco Gemelli, dalla blogger Claudia Ciabattini, dalla responsabile Promozione Biblioteche e Progetti Speciali Grazia Asta, dallo scrittore Vanni Santoni e dal cuoco della caffetteria Alessandro Arena, esaminerà le ricette pervenute. I criteri di valutazione saranno originalità, fattibilità, legame con il territorio e sostenibilità, potere evocativo.

La prima ricetta classificata riceverà in premio ‘Erbizia’, uno speciale kit per l’orto sul balcone o a casa, e sarà proclamata in un incontro che si svolgerà sabato 18 ottobre alle ore 17.30 presso la terrazza della biblioteca delle Oblate. Per l’evento, l’Associazione Teatro Là  interpreterà e commenterà le ricette più interessanti e significative, e la caffetteria proporrà uno speciale apericena con un buffet di piatti a base di ingredienti di stagione provenienti dal territorio.

L’evento fa parte del progetto ‘Il sapore delle parole: letture gustose nelle Biblioteche della Toscana’ e in occasione della Settimana della Cultura Toscana.

Per maggiori info www.lospaziochesperavi.it

Rispondi